107 CONDIVISIONI
30 Novembre 2022
17:32

Elefanti “ubriachi” si addormentano per ore in una foresta dell’India: avrebbero bevuto il mahua

Scoperti dagli abitanti di un villaggio ai margini della foresta di anacardi di Shilipada, nello stato dell’Odisha, dormivano vicino ai vasi di fermentazione del mahua, un liquore contrassegnato per anni come bevanda illecita.
A cura di Valeria Aiello
107 CONDIVISIONI
Due esemplari della mandria di elefanti rimasta addormentata per ore in una foresta dello stato indiano dell’Odiha / Credit: India Today NE
Due esemplari della mandria di elefanti rimasta addormentata per ore in una foresta dello stato indiano dell’Odiha / Credit: India Today NE

Sta facendo sorridere un bizzarro evento accaduto in India, dove una mandria di elefanti è rimasta addormentata per ore nella foresta di anacardi di Shilipada, nello stato dell’Odisha, dopo essersi apparentemente ubriacata con il mahua, un liquore locale contrassegnato per anni come bevanda illecita.

Trovati distesi a terra dagli abitanti di un villaggio ai margini della foresta, gli elefanti dormivano vicino ai vasi in cui i fiori di mahua erano tenuti in acqua per la fermentazione. “Siamo andati nella foresta intorno alle 6 del mattino per preparare il mahua, e abbiamo scoperto che tutti i vasi erano rotti e mancava l’acqua fermentata. Abbiamo anche scoperto che gli elefanti stavano dormendo. Hanno bevuto l’acqua fermentata e si sono ubriacati” ha spiegato ai media locali Naria Sethi, un abitante del villaggio.

In totale, gli abitanti del villaggio hanno detto di aver visto 24 elefanti – 9 maschi, 6 femmine e 9 piccoli – che dormivano avvolti da un sonno profondo. “Quel liquore non era trattato – ha aggiunto Sethi – . Abbiamo provato a svegliare gli animali ma non ci siamo riuscuiti. Il Dipartimento forestale è stato quindi informato”.

Una volta su posto, il personale del Dipartimento forestale ha avuto non poche difficoltà nel risvegliare la mandria, fino a dover ricorrere al suono dei tamburi. Una volta in piedi, gli elefanti si sono addentrati nella foresta, ha spiegato Ghasiram Patra, una guardia forestale. Il funzionario, tuttavia, ha detto di non essere sicuro che gli elefanti si fossero ubriacati con il mahua. “Non ci sono prove che suggeriscano che gli elefanti abbiano bevuto il mahua, forse stavano solo riposando lì – ha precisato l’ufficiale – . Sebbene una mandria di elefanti addormentata sia uno spettacolo raro, mi sono imbattuto in una situazione del genere anche nella catena montuosa di Champua, alcuni anni fa”.

Gli abitanti del villaggio, d’altra parte, hanno insistito sul fatto che gli elefanti stessero dormendo profondamente vicino ai vasi di fermentazione del mahua. L’albero del mahua (Madhuca longifolia) cresce abbondantemente nelle pianure boscose dell’India occidentale, centrale e orientale, dove le tribù – come i Santhal, i Gond, i Munda e gli Oraon – che hanno abitato la zona negli ultimi 3000 anni, lo considerano “l’Albero della vita”. 

Tradizionalmente, queste tribù hanno usato i fiori, frutti, rami e foglie del mahua per cibo, foraggio per il bestiame, combustibile, medicinali e persino come valuta per barattare i cereali ma probabilmente, il suo uso più noto, è sotto forma dell’omonimo liquore dolciastro, che viene preparato dai fiori dell’albero fermentati, e poi meticolosamente distillato in un alambicco.

A partire dalla seconda metà dell’Ottocento, il liquore, limpido e incolore, è stato soggetto a divieti e severe limitazioni, perché considerato un pericoloso intossicante che rappresentava una minaccia per la salute pubblica. Solo negli ultimi anni, le autorità locali stanno cambiando atteggiamento nei confronti del mahua, riconoscendo l’importanza della tradizione indigena e mettendo fine ai divieti.

107 CONDIVISIONI
L'inquinamento acustico fa molto male agli animali: le conseguenze e come proteggerli
L'inquinamento acustico fa molto male agli animali: le conseguenze e come proteggerli
No, la Regina Elisabetta non era un'amante degli animali
No, la Regina Elisabetta non era un'amante degli animali
Il pesticida più comune fa male alla vista dei bombi e ne altera la memoria: li stiamo torturando
Il pesticida più comune fa male alla vista dei bombi e ne altera la memoria: li stiamo torturando
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni