video suggerito
video suggerito
Cambiamenti climatici

Cos’è il supertifone Doksuri che sta per abbattersi sulle Filippine e sulla Cina

Su alcuni Paesi asiatici sta per abbattersi il potentissimo tifone Doksuri (o Egay), che rischia di trasformarsi in un catastrofico supertifone. Ecco cos’è questa perturbazione ciclonica tropicale.
A cura di Andrea Centini
90 CONDIVISIONI
Un'immagine del tifone Usagi
Un'immagine del tifone Usagi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Il potentissimo tifone Doksuri sta minacciando alcuni Paesi asiatici e nelle prossime ore rischia di trasformarsi in un “supertifone” dalla potenza catastrofica, in grado di provocare danni estesi e anche un numero significativo di vittime. Tra i potenziali “bersagli” la grande e popolosa isola delle Filippine Luzon, Taiwan, Hong Kong e la provincia del Guangdong nella Cina Meridionale. Al momento non vi è ancora certezza sulla direzione che prenderà questo mostruoso ciclone: secondo l'Osservatorio di Hong Kong che lo sta monitorando attentamente potrebbe prendere tre percorsi diversi. Quello verso Nord è considerato il meno dannoso, dato che risparmierebbe almeno in parte Hong Kong e Taiwan, tuttavia ancora non vi è certezza sulla traiettoria.

Ciò che è certo, come riportato dalla CNN, è che Doksuri – conosciuto come Egay nelle Filippine – è in costante crescita e i suoi venti continuano ad accumulare potenza e velocità. Nel giro di una ventina di ore è passato dall'essere una “semplice” tempesta tropicale, cioè una perturbazione con venti tra i 64 e i 118 chilometri orari, a un tifone di categoria quattro (classe “fortissima”) con venti di 230 chilometri orari. E ora rischia di trasformarsi in un pericolosissimo tifone di categoria cinque, la massima, i cui venti spirano a una velocità superiore ai 252 chilometri orari. Insomma, un vero e proprio supertifone che potrebbe provocare danni ingentissimi.

I tre possibili percorsi del tifone Doksuri. Credit: Osservatorio Meteorologico di Hong Kong
I tre possibili percorsi del tifone Doksuri. Credit: Osservatorio Meteorologico di Hong Kong

È doveroso ricordare che i tifoni sono esattamente la stessa cosa degli uragani e dei Willy-willies dal punto di vista meteorologico: sono infatti tutti cicloni tropicali, che prendono un nome differente a seconda dell'origine geografica. Gli uragani atlantici si formano in genere nell'Oceano Atlantico settentrionale, mentre gli uragani pacifici originano a est della linea del cambiamento di data (associata al 180esimo meridiano). A ovest di questa linea, dove si trovano l'altra porzione dell'Oceano Pacifico, il Mar Cinese e l'Oceano Indiano, i cicloni tropicali prendono il nome di tifoni. Ecco perché Doksuri / Egay è un tifone, che rischia di elevarsi a rango di supertifone dopo essere nato nel Pacifico occidentale. Willy-willies è il nome assegnato dall'Australia ai cicloni tropicali, mentre Medicane è quello degli “uragani mediterranei”, anch'essi sempre più frequenti a causa del cambiamento climatico. Queste perturbazioni cicloniche emergono tipicamente in aree di bassa pressione sopra agli oceani, dove la temperatura superficiale dell'acqua marina è superiore ai 26° C. Ma anche il Mare Nostrum può esserne colpito, anche se non è un oceano.

Secondo le previsioni l'agenzia meteorologica delle Filippine Pagasa l'impatto del tifone potrebbe portare fino a 450 millimetri di pioggia entro mercoledì. Luzon potrebbe essere colpita già martedì con 254 millimetri di pioggia. Per fare un paragone, è stato calcolato che in 24 ore l'alluvione che ha colpito l'Emilia Romagna il 17 maggio ha portato fino a 200 millimetri di pioggia. Ma parliamo ovviamente di fenomeni atmosferici completamente diversi da un ciclone tropicale.

Nelle Filippine sono stati già chiusi gli uffici pubblici e le scuole in attesa dell'impatto di Doksuri / Egay; il presidente Ferdinand R. Marcos Jr. ha esortato più volte la popolazione a seguire alla lettera le istruzioni della protezione civile, in particolar modo per quel che concerne le evacuazioni dalle aree più a rischio. Non resta che attendere l'ulteriore evoluzione del tifone, nella speranza che se ne attenui la potenza e che prenda il percorso meno dannoso per la regione coinvolta.

90 CONDIVISIONI
550 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views