70 CONDIVISIONI
Cambiamenti climatici

Caldo record a settembre, il riscaldamento globale supera di quasi 1,8 °C i livelli preindustriali

Colpa delle emissioni che causano la crisi climatica e del ritorno de El Nino, il fenomeno climatico che aumenta la temperatura media del pianeta.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Valeria Aiello
70 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Cambiamenti climatici

Il mese che si è da poco concluso è stato il settembre più caldo mai registrato a livello globale, con una temperatura media di circa 1,75 °C superiore alla media di settembre del periodo preindustriale. Lo indicano i dati del Copernicus  Climate Change Service (C3S), il servizio di monitoraggio dei cambiamenti climatici operato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine per conto dell’Ue, che nell’ultimo bollettino mensile segnala le anomalie climatiche sperimentate nel mese di settembre.

Settembre 2023 è stato il più caldo di sempre

A livello globale, il mese di settembre ha fatto registrare una temperatura media dell’aria di 16,38 °C, risultando di 0,93 °C sopra la media di settembre del periodo 1991-2020 e di 0,5 °C superiore alla temperatura del precedente settembre più caldo, il  2020. Nel complesso, il mese è stato il settembre più caldo rispetto alla media del periodo 1850-1900, il periodo di riferimento preindustriale, segnando un aumento di circa  1,75 °C. Il settembre più caldo fa seguito all’agosto e al luglio più caldi di sempre, con quest’ultimo che è stato anche il mese più caldo mai registrato negli ultimi 10.000 anni.

Temperatura globale giornaliera dell'aria superficiale (°C) dal 1 gennaio 1940 al 30 settembre 2023, tracciata come serie temporale per ciascun anno. Il 2023 e il 2016 sono mostrati con linee spesse rispettivamente in rosso brillante e rosso scuro. Credit: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.
Temperatura globale giornaliera dell'aria superficiale (°C) dal 1 gennaio 1940 al 30 settembre 2023, tracciata come serie temporale per ciascun anno. Il 2023 e il 2016 sono mostrati con linee spesse rispettivamente in rosso brillante e rosso scuro. Credit: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Secondo gli esperti, i record sono il risultato delle continue emissioni di gas serra combinati al ritorno de El Niño, il fenomeno climatico periodo legato all’incremento delle temperature dell’Oceano Pacifico equatoriale che continuerà a persistere almeno fino a gennaio-marzo 2024.

L’ultima volta che El Niño si era instaurato, nel 2015-2016, il fenomeno portò all’anno più caldo mai registrato (2016) con una temperatura media globale di 0,99 °C superiore alla media del Novecento. In confronto, i primi nove mesi del 2023 sono stati di 0,05 °C più caldi rispetto allo stesso periodo del 2016. In particolare, da gennaio a settembre 2023, la temperatura media globale è stata di 1,4 °C superiore alla media preindustriale.

In Europa, settembre 2023 si conferma il peggiore mai registrato, con un aumento di 2,51 °C rispetto alla media del periodo 1991-2020 e di 1,1 °C rispetto al 2020, il precedente settembre più caldo. “Le temperature osservate a settembre hanno superato di gran lunga i primati precedenti – ha affermato Samantha Burgess, del Copernicus Climate Change Service dell’UE – . Il 2023 è sulla buona strada per diventare l’anno più caldo, con un aumento di circa 1,4 °C rispetto alle temperature medie preindustriali. A due mesi dalla Cop28 [la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima], il senso di urgenza di un’azione ambiziosa per il clima non è mai stato così critico”.

70 CONDIVISIONI
499 contenuti su questa storia
Perché il cambiamento climatico rischia di far scomparire il risotto dalle nostre tavole
Perché il cambiamento climatico rischia di far scomparire il risotto dalle nostre tavole
La Grande Barriera Corallina vicina al settimo sbiancamento di massa: cosa significa
La Grande Barriera Corallina vicina al settimo sbiancamento di massa: cosa significa
Migliaia di megattere uccise dal caldo record: morte di fame a causa nostra
Migliaia di megattere uccise dal caldo record: morte di fame a causa nostra
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views