Adele e Craig Lake con le loro figlie Jasmin e Jade. Jasmine è morts all’età di nove anni nel 2015
in foto: Adele e Craig Lake con le loro figlie Jasmin e Jade. Jasmine è morts all’età di nove anni nel 2015

Jade Lake è una bambina di 8 anni che soffre della sindrome di Leigh, una malattia neurologica progressiva che interessa il sistema nervoso centrale e in particolare il tronco cerebrale e il cervelletto. Una condizione ereditaria che l’ha portata a soffrire di epilessia ed avere una “età mentale” di due anni. Un male terribile che ha già ucciso i suoi tre fratelli i cui corpi sono stati pian piano debilitati da gravi danni cerebrali. Angel è morto all'età di tre anni nel 2011, AJ è scomparso a soli tre mesi nel 2014 e solo un anno dopo, Jasmine è deceduta all'età di nove anni.

Ora Adele e Craig Lake stanno assistendo inermi alla morte della loro quarta figlia. E il web insorge contro di loro: “Ce ne dicono di tutti colori. Ci hanno scritto che dovremmo farci sterilizzare. I nostri bambini sono stati presi in giro per la strada. Sappiamo che anche questa è la vita. Questa è solo la loro opinione” dice Craig. Il 46enne ha già sollevato la bara di tre figli e vive con la consapevolezza che il terribile rituale potrebbe essere ripetuto un'ultima volta. "Non sappiamo quanto rimane a Jade. Potrebbe andare a letto una sera e non svegliarsi più” ammette, affranto.

“La sindrome di Leigh distrugge lentamente il centro del cervello. È imprevedibile e non esiste cura o farmaco noto per rallentarla” spiega l’uomo. "Mi piacerebbe dire che sarà qui tra cinque anni", ha detto la mamma, Adele, 33 anni, che porta il gene mortale. "Ma purtroppo non possiamo garantirlo. È la nostra prima figlia che arriva parlare e camminare. Sono abilità rare per i bambini con la Leigh e ha sbalordito anche i medici. All'età di otto anni, dicono che ‘ha vissuto a lungo’". La coppia è attenta ai ‘killer quotidiani’, come un comune raffreddore, che può "dare il via" a una catena mortale di eventi. Il primo bambino che hanno perso, Angel, è morto tra le braccia di suo padre dopo essersi ammalato solo due giorni prima. AJ è scomparso 12 ore dopo aver contratto la febbre alta.

Adele e Craig hanno detto che nessuno dei loro figli è stato programmato e "non credono nell'aborto". "La gente potrebbe pensare che abbiamo ragione o torto, ma per noi la vita è vita, non importa altro" dice Craig. Ha aggiunto: "Ma ora non abbiamo piani per altri bambini. Ne abbiamo avuto già abbastanza. Sicuramente ci assicureremo che non ci siano più incidenti”.