Drammatico incidente ieri intorno alle 18 e 30 a Busco Ponte di Piave, in provincia di Treviso, dove una donna di 38 anni è stata investita e uccisa lungo una strada male illuminata. A perdere la vita Florentina Ionita, di origini romene, che è stata travolta da una Skoda Roomster guidata da una donna di circa 40 anni, residente a San Donà di Piave. La vittima stava passeggiando con la sua bicicletta a bordo strada, non distante da casa.

Alla tragedia ha assistito la figlia della donna, di 14 anni, che è rimasta incolume fortunatamente e si trovava a pochi metri di distanza dalla madre. Stando a quanto accertato sia l'automobilista che la vittima stavano tornando verso le rispettive case e procedevano nella stessa direzione di marcia. Sul posto sono intervenuti i sanitari del Suem 118 che non hanno potuto far altro che constatare il decesso della straniera, da tanti anni residente in provincia di Treviso e molto benvoluta. A svolgere i rilievi di legge i carabinieri di Conegliano.

In Italia muore un ciclista ogni 32 ore: la bici è il mezzo più pericoloso

Secondo un recente sondaggio commissionato all'Istat dall'Aci nel nostro paese muore un ciclista ogni 32 ore, con un trend in aumento a causa delle condizioni delle strade, dell'assenza di una rete adeguata di piste ciclabili e della distrazione degli automobilisti, sovente alle prese con gli smartphone mentre sono alla guida. Nel 2018 gli incidenti mortali che hanno coinvolto ciclisti sono aumentati del 9,6%. Secondo i dati Aci/Istat nel 2017 i morti in bici sono stati 254 su un totale di 17.521 incidenti che hanno coinvolto i ciclisti. Il tasso di rischio per chi pedala di incorrere in un incidente mortale è del 2,18%, più alto del pullman (0,48%), dei camion (0,67%), delle automobili (0,78%), dei motorini (1,06%) e delle moto (1,96%).