Una donna che ha defraudato un ente di beneficenza fingendo di avere un cancro e utilizzando certificati di laurea falsi per ottenere un lavoro. Per questo motivo Patricia Robertshaw, 42 anni, è stata condannata al carcere. Avrebbe utilizzato documenti fraudolenti per ottenere un lavoro di manager per eventi presso la Yorkshire Cancer Research, a Harrowgate,. Ha poi mentito sulla sua condizione medica e ha preso tre mesi di paga da malata mentre fingeva di sottoporsi a radioterapia. In realtà, usava il proprio tempo libero per fare domanda per altri lavori con altri certificati di laurea falsi, tra cui un master in scienze e un dottorato in filosofia presso l'Università di Leeds. Tra settembre 2015 e novembre 2017, è riuscita a guadagnare un totale di £ 86.833 (oltre 100mila euro) con l'organizzazione. La Robertshaw è stata scoperta quando altri colleghi dell'ente per la cura del cancro hanno scannerizzato i codici QR che aveva presentato sui certificati medici intuendo che non erano validi. Si è dichiarata colpevole di quattro capi di accusa relativi a frode e uno di falsificazione ed è stata condannata a quattro anni e cinque mesi di prigione.

Le accuse

Robertshaw, di Gisburn Road a Barrowford, nel Lancashire, aveva detto ai suoi colleghi di essere stata malata di cancro e di essere in cura presso l'Airedale General Hospital di Bradford e alla Barrowford Surgery nel Lancashire, da aprile 2016. Durante i suoi tre mesi di congedo per malattia, ha fatto domanda per lavori come manager di eventi e guida commerciale al Manchester City Council e come capo della generazione di reddito presso il Pendleside Hospice a Burnley. In un precedente lavoro alla Leeds Beckett University, aveva falsificato i certificati universitari per le valutazioni di 55 studenti, con l'università costretta a pagare loro un indennizzo pari a 500 sterline, dal momento che stavano studiando per delle qualifiche che non avrebbe poi potuto occupare. Catherine Silverton, il suo legale, ha detto che la sua cliente “ha una storia di difficoltà di salute mentale e un disturbo borderline di personalità”, aggiungendo che ora sente il "rimorso più profondo" per le sue azioni.

La frode "più ripugnante in 25 anni"

In seguito alla condanna, il poliziotto investigativo Shane Martin, che ha guidato le indagini per la polizia del North Yorkshire, ha descritto le azioni di Robertshaw come "sorprendentemente immorali". Ha detto: "Questo è il caso di frode più ripugnante che ho indagato in 25 anni di polizia. È assolutamente incomprensibile che qualcuno possa mentire sul fatto di avere una malattia così grave." Arfaq Nabi, del Crown Prosecution Service, ha dichiarato: "Si trattava di una frode calcolata e senza cuore. Robertshaw ha suscitato la solidarietà dei suoi colleghi in modo totalmente freddo, sostenendo di soffrire proprio della malattia per cui l'organizzazione caritatevole stava facendo una campagna".