550 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
22 Maggio 2022
09:08

Zelensky: “In Donbass situazione estremamente difficile, continuiamo a combattere per la vittoria”

“La guerra continua, non è finita. Dobbiamo ancora combattere per avvicinarci ogni giorno alla vittoria”: lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo consueto messaggio notturno, affermando come in Donbass la situazione sia “estremamente difficile”.
A cura di Annalisa Girardi
550 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

La situazione nel Donbass continua a essere "estremamente difficile": lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel suo consueto video messaggio della notte. "Come nei giorni precedenti, l'esercito russo sta cercando di avanzare su Slovyansk e Severodonetsk, le forze armate ucraine stanno respingendo questa offensiva", ha detto, sottolineando come "ogni giorno che i nostri difensori strappano a questi piani offensivi dell'Ucraina, impedendoli, è un contributo concreto a portare il grande giorno più vicino". Per poi specificare: "Il giorno agognato che tutti attendiamo e per il quale tutti combattiamo. Il Giorno della Vittoria".

Nel suo messaggio notturno Zelensky ha anche affermato che "la Russia non otterrà nulla con i suoi attacchi" o con "i missili nell'Oblast di Rivne, né con l'artiglieria nelle regioni di Kharkiv o Sumy, né con ogni arma possibile in Donbass". E mentre proseguono gli attacchi da Mosca, il presidente ucraino ha anche affermato come da parte sua Kiev stia facendo di tutto per arrivare alla pace. Per poi affermare: "La guerra continua, non è finita. Dobbiamo ancora combattere per avvicinarci ogni giorno alla vittoria. Forse in alcune città qualcuno pensa di potersi dimenticare delle guerra e vivere spensierato. No, ogni giorno gli ucraini muoiono per la nostra indipendenza. E ognuno di noi deve prendersi della difesa del nostro Paese ogni giorno che passa. Con tutto quello che gli è possibile, in qualsiasi misura riescano".

Zelensky poi ha detto: "Oggi nel nostro paese è la Giornata della scienza. Mi congratulo con i nostri scienziati che, nonostante tutte le difficoltà, lavorano comunque per garantire che l'Ucraina conservi e sviluppi il suo potenziale scientifico. Naturalmente in tempo di guerra, tutte le forze della società e dello Stato possono essere dirette solo alla protezione e questo è un limite significativo per la scienza, e per la cultura".

Per poi concludere tornando a parlare dell'Unione europea. "Il nostro percorso verso l'integrazione europea non riguarda solo la politica. Riguarda la qualità della vita. E gli ucraini hanno gli stessi valori della vita degli europei".

550 CONDIVISIONI
2595 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni