3.159 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
6 Maggio 2022
16:45

Ucraina, Zelensky apre all’accordo: è pronto a tornare alla situazione pre invasione russa, senza la Crimea

Quella che si sta verificando a Mariupol non è un’azione militare, ma tortura. Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, pur assicurando che i ponti non sono tutti bruciati e con la Russia è ancora possibile un accordo. Anche senza parlare di Crimea, annessa da Mosca nel 2014.
A cura di Annalisa Girardi
3.159 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è intervenuto oggi in video conferenza alla Chatham House, il noto think tank britannico, e ha definito l'assedio dell'acciaieria Azovstal di Mariupol come una vera e propria tortura, più che un'azione militare. "Non è un'operazione militare, questa è tortura", ha detto, che in primis avverrebbe facendo patire la fame ai civili che sono ancora rifugiati li. Zelensky ha quindi accusato i militari russi di "atteggiamento bestiale", alimentato da decenni di "odio e propaganda anti ucraina".

A Mariupol tortura e fame sono state usate come armi dai russi contro i cittadini ucraini, ha ribadito Zelensky: "anta disumanità e crudeltà, è il modo in cui l'esercito russo tratta le persone. La morte non viene causata dalla guerra, da un evento militare. Qui le persone sono state torturate a morte. Questo è terrorismo e odio. Mariupol è stata devastata, l'intera città è distrutta".

Secondo il presidente ucraino Mosca crede che rimarrà impunita a causa del loro arsenale nucleare. E per questo i russi commetterebbero crimini di guerra: "Non credono di poter essere ritenuti responsabili perché hanno il potere di uno stato nucleare", ha affermato Zelensky. "Ci sarà un tribunale militare per l'omicidio, la morte, la tortura. Ma perché questa crudeltà? Questo è l'apparato informativo che ha sviluppato questo odio e lo ha scaldato a tal punto, prima della guerra a tutti gli effetti", ha detto ancora Zelensky.

In questo scenario, lo spazio per i negoziati secondo Kiev si verrebbe a creare solo nel momento del ritiro delle truppe russe dal suolo ucraino, riportandole alle postazioni prima dell'invasione. "Questo è un prerequisito per i colloqui, solo in quella situazione potremmo iniziare a discutere normalmente", ha detto Zelensky. "Non tutti i ponti sono ancora distrutti", ha aggiunto, assicurando che ci sia ancora lo spazio per la diplomazia. Secondo il governo britannico la Russia dovrebbe lasciare l'intera Ucraina, Crimea compresa, ma Zelensky stesso si è detto disposto ad accettare un accordo di pace che riporti le posizioni delle due parti al 23 febbraio. In altre parole, per ora Kiev non avrebbe intenzione di pretendere la restituzione della Crimea, annessa dalla Russia nel 2014.

3.159 CONDIVISIONI
2541 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni