Un cittadino russo ha presentato denuncia nei confronti della Apple. L’accusa nei confronti dell’azienda di Cupertino è di averlo spinto a diventare omosessuale, utilizzando una delle tante applicazioni presenti su App Store. E, per la scoperta del suo nuovo orientamento sessuale, pretende un risarcimento di circa 15.000 dollari. Il Moscow Times riporta la notizia. Stando a quanto ricostruito, D. Razumilov  nel 2017 avrebbe scaricato un’app relativa alle criptovalute (GayCoin ) a seguito di annuncio pubblicitario che prometteva 69 gettoni (un GayCoin vale circa 2 centesimi). Secondo il ragazzo, il numero 69 non è stato preso a caso. “Non giudicare senza provare”, questo il testo pubblicitario della criptovaluta GayCoin. “Come posso giudicare qualcosa senza prima provarlo? E ho deciso di provare relazioni omosessuali” spiega Razulminov. “Dopo due mesi posso dire che mi sono impantanato in intimità con un ragazzo e non posso uscirne. Ho un ragazzo stabile e non so come spiegarlo ai miei genitori” dichiara ancora l’utente Apple: “Dopo aver ricevuto il messaggio di cui sopra, la mia vita è cambiata in peggio e non sarà mai più normale” conclude.

La sua attuale situazione gli provoca "sofferenza morale" e rappresenta un "danno psicologico". Per questo motivo ha chiesto un milione di rubli come risarcimento, (circa 15.000 dollari). Il 17 ottobre ci sarà una prima udienza in un tribunale di Mosca. Sapijat Gousnieva, legale del denunciante, ha assicurato all'Afp che il caso è "grave", e che il suo cliente e' "spaventato" e "sofferente". E aggiunge; "Apple è responsabile dei suoi programmi, di ciò che offrono", ha aggiunto, indicando che il suo cliente "aveva precedentemente una relazione stabile con una donna". La rappresentanza di Apple in Russia non ha risposto immediatamente alla richiesto di un commento inoltrato dall'Afp.