4.113 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
22 Settembre 2022
07:31

Ucraina, Zelensky all’Onu: “Punite la Russia. Possiamo vincere ma ci servono armi e aiuti”

Intervento via video del presidente ucraino Zelensky all’Assemblea delle Nazioni Unite a New York: “Punizione giusta per i crimini russi, Onu tolga a Mosca diritto di veto”. Intanto, continuano nel Paese le proteste dopo il discorso di Putin: oltre 1300 fermi nella notte.
A cura di Ida Artiaco
4.113 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"L'Ucraina vuole la pace, il mondo vuole la pace, solo uno vuole  la guerra ed è contento di questa guerra".

Comincia così l'intervento del presidente ucraino Zelensky in collegamento video con l'assemblea generale dell'Onu a New York.

A poche ore dal discorso tenuto da Vladimir Putin, nel quale ha annunciato la mobilitazione militare parziale e minacciato l'Occidente di guerra nucleare, il leader di Kiev ha parlato alle Nazioni Unite chiedendo prima di tutto che Mosca subisca una "punizione giusta" e che le venga tolto il diritto di veto nel Consiglio di Sicurezza.

"Possiamo riportare la bandiera dell'Ucraina su tutto il territorio ma abbiamo bisogno di tempo. Abbiano bisogno di supporto, di armi, sistemi di difesa e anche di supporto finanziario", ha continuato Zelensky, chiedendo anche l'istituzione di un Tribunale speciale per processare i "crimini" commessi dai russi.

"Noi contiamo sul vostro sostegno", ha aggiunto nel videomessaggio destinato all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. "La Russia deve pagare con i suoi beni per questa guerra" ha detto.

I 5 prerequisiti per la pace secondo Zelensky

Zelensky ha infine individuato cinque prerequisiti per la pace sono: la punizione dell'aggressione, la protezione della vita, il ripristino della sicurezza e dell'integrità territoriale, garanzie di sicurezza, determinazione a difendersi.

Zelensky ha infine rilanciato la proposta di un price cap su gas e petrolio russi per contenere i vantaggi che Mosca ricava dal caro energia. "Limitare i prezzi salvaguarda il mondo. Ma il mondo adotterà una tale misura? O avrà paura?", ha chiesto. Applausi e standing ovation al Palazzo di Vetro, compreso il premier Mario Draghi che, dopo il video collegamento, si è fermato per un breve saluto con la first lady ucraina Olena Zelenska.

Continuano le proteste in Russia: oltre 1300 fermati

Intanto, sono proseguite per tutta la notte le proteste in Russia dopo l'annuncio di mobilitazione militare parziale che coinvolgerà circa 300mila riservisti.

Oltre 1300 persone sono state fermate ieri dalla Siberia a Mosca e San Pietroburgo dove centinaia di persone si sono riversate in strada affrontando il pugno duro della polizia.

Secondo la Ong OVD-Info, le proteste hanno coinvolto in totale 38 città russe.

Molti altri stanno cercando di lasciare il Paese: dopo che sono stati esauriti i biglietti dei voli diretti per la Georgia, l'Armenia e la Turchia fino al fine settimana, code fino a 35 chilometri sono state registrate al confine con la Finlandia.

Secondo il Segretario di Stato americano Antony Blinken Putin "non sta operando da una posizione di forza ma questo è piuttosto un segno del fallimento della sua missione" e la mobilitazione conferma questo stato delle cose.

4.113 CONDIVISIONI
2815 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni