Addobbi di Natale raffiguranti il campo di sterminio di Auschwitz erano in vendita su Amazon come normalissimi ornamenti con i quali allestire gli alberi di Natale durante le prossime festività: la vendita dei prodotti dedicati a uno dei luoghi simbolo dell'orrore nazista, tuttavia, hanno suscitato la rabbia del Memoriale di Auschwitz, che ha invitato il colosso dell'e-commerce a rimuovere la merce "inquietante e irrispettosa". Amazon ha accettato la richiesta e un portavoce della società ha commentato al New York Times: "Tutti i venditori devono seguire le nostre linee guida di vendita e coloro che non lo faranno saranno soggetti all'azione, inclusa la potenziale rimozione del loro account".

Su Amazon erano stati messi in vendita oggetti raffiguranti immagini del campo di sterminio di Auschwitz, comprese le "baracche" dove erano imprigionate le persone: vi erano decorazioni per alberi di Natale, apribottiglie e un tappetino per il mouse. Nei campi di concentramento nazisti sono stati uccisi milioni di persone nel corso della Seconda guerra mondiale, soprattutto ebrei, ma anche rom, comunisti, disabili e omosessuali. Per questa ragione  l'Auschwitz-Birkenau Memorial and Museum aveva espresso la sua indignazione chiedendo la rimozione della merce.

Malgrado il tweet di proteste di ieri e le risposte di Amazon, il memoriale di Auschwitz aveva poi pubblicato un nuovo tweet per comunicare che la questione "purtroppo, non è ancora finita". Un altro venditore commercializzava un tappetino per mouse con l'immagine di un treno merci usato per deportare persone nei campi di concentramento.