226 CONDIVISIONI
27 Settembre 2021
08:20

San Marino legalizza l’aborto: al referendum vince il Sì con il 77% dei voti

San Marino ha votato per il referendum per la depenalizzazione dell’interruzione della gravidanza: dopo la vittoria schiacciante dei Sì (oltre il 77%), l’aborto diventerà legale nella Repubblica del Titano. Fino a ora veniva considerato un reato punibile con la reclusione in carcere da 3 a 6 anni.
A cura di Stefano Rizzuti
226 CONDIVISIONI
Uno scorcio della Repubblica di San Marino
Uno scorcio della Repubblica di San Marino

Nella Repubblica di San Marino l’aborto diventa legale. A oltre 40 anni di distanza dalla depenalizzazione del reato di interruzione della gravidanza in Italia, anche San Marino ora introduce la possibilità di abortire: a stabilirlo è stato il referendum per cui si è votato ieri nella Repubblica di poco più di 33mila abitanti. Il referendum propositivo per la legalizzazione dell’aborto era senza quorum: ha votato a favore il 77,2%, portando il Sì a una vittoria schiacciante. A votare sono stati poco meno di 15mila elettori, con un’affluenza al 41,11%, in linea con quella del precedente referendum del 2019. Presto sarà quindi legale l’aborto anche a San Marino: a non permettere l’interruzione della gravidanza resteranno solo alcuni piccoli Paesi come Andorra, Malta e Città del Vaticano.

I 32 seggi sono stati aperti per il voto dalle 7 alle 20.30 di domenica 26 settembre: la campagna referendaria era partita il 10 settembre. La legge, comunque, cambierà solo tra qualche mese. Fino a oggi a San Marino l’aborto era un reato punibile con il carcere e una reclusione da 3 a 6 anni. Veniva considerato un reato qualsiasi tipo di interruzione della gravidanza, anche quella successiva a uno stupro. Va comunque sottolineato che non si sono registrati casi di arresti recenti, ma questo è dovuto soprattutto al fatto che le donne di San Marino decidevano di andare in Italia (o in altri Stati esteri) dove l’aborto è legale. Ma una soluzione del genere comporta inevitabilmente complicazioni per chi deve interrompere la gravidanza.

A promuovere il referendum è stata soprattutto l’Unione donne sammarinesi, del cui direttivo fa parte Rosa Zafferani: “Le donne hanno avuto fiducia in noi e sono state tante ad andare a votare oggi. Le donne sono state il 20% in più rispetto agli uomini, ma per avere una maggioranza così schiacciante significa che anche gli uomini hanno capito e ci hanno dato fiducia”, esulta. Dall’altra parte, la portavoce del Comitato per il No, Antonella Mularoni, non si arrende: “Prendiamo atto della volontà dei sammarinesi, in democrazia si può perdere. Non si fermerà la nostra attività per dare una alternativa all’aborto”.

226 CONDIVISIONI
Referendum sui matrimoni gay, in Svizzera vince il sì: via libera alle nozze omosessuali
Referendum sui matrimoni gay, in Svizzera vince il sì: via libera alle nozze omosessuali
Berlino, al referendum per espropriare 240mila case ai colossi immobiliari trionfano i sì
Berlino, al referendum per espropriare 240mila case ai colossi immobiliari trionfano i sì
La Svizzera dice sì ai matrimoni omosessuali
La Svizzera dice sì ai matrimoni omosessuali
108 di askanews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni