Miriam Beelte, 26 anni (Facebook).
in foto: Miriam Beelte, 26 anni (Facebook).

Si è rifiutata di avere un rapporto sessuale con lui, così prima è stata violentata e poi uccisa. Miriam Beelte, 26enne tedesca, è morta la scorsa domenica, 7 aprile, mentre si trovava da sola in vacanza a Koh Sichang, idilliaca isola al largo della costa orientale della Thailandia. Come ha riferito la polizia locale, il suo corpo senza vita è stato nascosto dietro alcune rocce e ricoperto da foglie. A scoprirlo sono stati alcuni passanti che si trovavano in spiaggia per una passeggiata e che hanno immediatamente avvertito le forze dell'ordine, secondo le quali la vittima sarebbe deceduta almeno 5 ore prima del ritrovamento del cadavere. In manette è finito Ronnakorn Romruen, 24 anni, che ha confessato il delitto, raccontando di aver ammazzato la ragazza mentre era sotto l'effetto di droghe.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, Miriam si trovava a Pattaya da sola in vacanza quando ha deciso di fare una gita nella vicina isola del distretto di Siracha. Appena arrivata, ha conosciuto quello che sarebbe diventato il suo assassino. Romruen ha subito insistito affinché avessero un rapporto sessuale, ma lei si è rifiutata e lui è andato su tutte le furie. Così, stando a quanto ha confessato agli inquirenti in un interrogatorio fiume durato 4 ore, l'ha portata in un luogo isolato, l'ha inchiodata a terra e l'ha violentata, mentre lei continuava ad urlare nel disperato tentativo di trovare qualcuno che potesse aiutarla. Poi, l'ha uccisa conficcandole più volte la testa su una pietra: voleva impedirle di raccontare quella storia alla polizia. È stato poi fermato qualche ora dopo il delitto ed è stato trasferito in carcere, dove rimarrà in custodia cautelare.

"Ci hanno informato che c'era il corpo di una donna tra le rocce, ricoperto di foglie – ha riferito il colonnello Angkul Sarakul -. Aveva numerose ferite alla testa e una gamba rotta. Abbiamo subito sospettato lo stupro prima del delitto, così abbiamo intimato a chiunque il divieto di lasciare l'isola. Siamo riusciti a identificare il killer e lo abbiamo immediatamente trasferito in caserma. Sulla base della sua confessione, sarà accusato di omicidio premeditato, stupro e occultamento di cadavere. Siamo in attesa dei risultati dell'autopsia sul corpo della vittima per capire esattamente cosa l'abbia uccisa e abbiamo informato l'ambasciata tedesca affinché informi i parenti della ragazza".