Vaiolo delle scimmie in Italia ed Europa
7 Maggio 2022
16:45

Raro caso di vaiolo delle scimmie individuato a Londra: il paziente era appena tornato dalla Nigeria

L’UKHSA in Inghilterra ha fatto sapere di aver individuato un raro caso di vaiolo delle scimmie in un uomo che era appena tornato dalla Nigeria, dove pare sia avvenuta l’infezione. Al momento è in cura in un ospedale di Londra.
A cura di Ida Artiaco
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Vaiolo delle scimmie in Italia ed Europa

L'Autorità sanitaria inglese (UKHSA) ha reso noto di aver identificato un raro caso di vaiolo delle scimmie. Si tratta di una malattia virale, molto simile al vaiolo umano, che generalmente provoca sintomi lievi, come febbre, mal di testa, dolori muscolari e mal di schiena, e la guarigione avviene entro poche settimane, anche se non mancano i casi più gravi. Il paziente risultato positivo a questo virus era di recente tornato in Inghilterra dalla Nigeria, dove si pensa possa aver contratto l'infezione. Al momento, sta ricevendo cure presso l'unità di malattie infettive del Guy's and St Thomas' NHS Foundation Trust di Londra.

Cosa sappiamo del vaiolo delle scimmie in Inghilterra

Secondo il Sistema sanitario inglese (NHS), il vaiolo delle scimmie, noto anche come Monkeypox, è diffuso principalmente da animali selvatici in alcune parti dell'Africa occidentale o centrale e il rischio di contrarlo nel Regno Unito, così come nel resto dell'Europa, è molto basso. L'infezione può essere trasmessa attraverso uno stretto contatto con una persona infetta, ma il pericolo è minimo. Il dottor Colin Brown, direttore delle infezioni cliniche ed emergenti dell'UKHSA, ha dichiarato: "Insieme al Sistema sanitario nazionale abbiamo messo a punto procedure di controllo delle infezioni ben consolidate per affrontare i casi di malattie infettive importate dall'estero e queste saranno rigorosamente seguite. Inoltre, stiamo contattando le persone che hanno avuto contatti stretti con il paziente prima della conferma della sua infezione, per monitorarli se necessario e fornire loro consigli". Ma al momento nessuna allerta: "È sbagliato pensare che siamo sull'orlo di un'epidemia a livello nazionale", ha detto alla BBC il professor Jonathan Ball, professore di virologia molecolare all'Università di Nottingham.

Cos'è il vaiolo delle scimmie: sintomi e cure spiegati dall'Iss

Il primo caso umano  di vaiolo delle scimmie è stato registrato nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo. Il 3 dicembre 2019 a un paziente fu diagnosticata la patologia in Inghilterra e nello stesso anno a Singapore. Come scrive l'Istituto superiore di Sanità sul proprio sito, questa malattia è causata dal Monkeypox virus che appartiene al gruppo degli orthopoxvirus. Gli uomini possono contrarre il vaiolo delle scimmie attraverso un morso o il contatto diretto con sangue, liquidi organici o lesioni di un animale infetto. La malattia potrebbe anche diffondersi da uomo a uomo, tuttavia è molto meno contagiosa del vaiolo umano. Ha una incubazione di circa 12 giorni dopo l'esposizione. La malattia si manifesta con febbre, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, linfonodi gonfi, malessere generale, e spossatezza. Non esiste al momento un trattamento specifico per questa patologia.

Vaiolo delle scimmie, Pregliasco: “Come col Covid tracciamento unico modo per contenere diffusione”
Vaiolo delle scimmie, Pregliasco: “Come col Covid tracciamento unico modo per contenere diffusione”
Cosa significa che il DNA del vaiolo delle scimmie è stato trovato nello sperma
Cosa significa che il DNA del vaiolo delle scimmie è stato trovato nello sperma
Vaiolo delle scimmie, parla il tiktoker Manuel Priori:
Vaiolo delle scimmie, parla il tiktoker Manuel Priori: "Nei video racconto cosa mi è successo"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni