217 CONDIVISIONI
Proteste in Iran dopo la morte di Mahsa Amini
24 Ottobre 2022
17:00

Proteste in Iran, 315 persone indagate: in quattro rischiano la pena di morte

Quattro persone sono state condannate a morte e 315 manifestanti risultano indagati per aver participato alle proteste in Iran scoppiate dopo l’omicidio della 22enne Mahsa Amini.
A cura di Chiara Ammendola
217 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Proteste in Iran dopo la morte di Mahsa Amini

Sono 315 le persone arrestate in queste settimane di proteste in Iran che sono state iscritte nel registro degli indagati per aver partecipato alle manifestazioni tenutesi in diverse città del paese in seguito alla morte della 22enne Mahsa Amini, arrestata perché non portava il velo in modo corretto.

Lo ha fatto sapere il procuratore del tribunale rivoluzionario di Teheran Ali Salehi, aggiungendo che quattro dei "rivoltosi" sono stati condannati per Muharebeh, un’offesa contro lo stato e contro Dio attraverso l’uso delle armi per creare insicurezza. Secondo il procuratore sono «entrati in conflitto con il sacro sistema della Repubblica islamica, creando paura nella società, ferendo le forze dell’ordine, distruggendo e incendiando la proprietà privata».

Il Muharabeh è un crimine previsto dalla Sharia e dal codice penale iraniano per il quale è prevista la pena capitale. Il capo del dipartimento di Giustizia della provincia di Alborz, a ovest di Teheran, ha poi aggiunto che 201 manifestanti sono anche accusati di aver avuto contatti con i servizi segreti stranieri. Tuttle persone arrestate invece sono accusati di “raduni e collusione contro la sicurezza, propaganda contro il sistema e danni all’ordine pubblico”.

217 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni