Guerra in Ucraina
10 Novembre 2022
15:51

Perché Vladimir Putin non andrà al G20 di Bali

Vladimir Putin ha deciso che non parteciperà al G20 di Bali in programma dal 14 al 16 novembre prossimi. A guidare la delegazione di Mosca in Indonesia ci sarà il ministro degli Esteri Sergei Lavrov. Tra i motivi dell’assenza, la ritirata delle truppe da Kherson.
A cura di Ida Artiaco
Vladimir Putin.
Vladimir Putin.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Dopo giorni di conferme e smentite, è arrivata la decisione definitiva del Cremlino: il presidente russo Vladmir Putin non parteciperà al G20 che si terrà a Bali, in Indonesia, tra il 14 e il 16 novembre prossimi.

Il meeting avrebbe dovuto mettere Putin nella stessa stanza del presidente americano Joe Biden per la prima volta dall'invasione russa dell'Ucraina del 24 febbraio. Il numero uno di Kiev, Zelensky, invece, ha confermato che prenderà parte ai lavori ma in modalità telematica.

A guidare la delegazione di Mosca ci sarà, dunque, il ministro degli Esteri Sergei Lavrov, come ha confermato l'ambasciata russa a Giacarta, anche se Yulia Tomskaya, che in ambasciata ci lavora, ha precisato che "il programma del presidente Putin è ancora in fase di elaborazione: potrebbe partecipare virtualmente".

Quali siano i motivi dell'assenza di Putin al G20 è facile intuirli. In primis, il mancato successo di quella che lui continua a definire "operazione speciale" in Ucraina. La ritirata delle sue truppe dal centro chiave di Kherson avrebbe peggiorato di molto il suo umore. Come riporta il The Sun, l'analista politico vicino al Cremlino Sergey Markov ha dichiarato che il presidente ha declinato l'invito a Bali per paura di essere assassinato dai suoi nemici.

Poco dopo la diffusione della notizia della ritirata russa da Kherson, Markov ha scritto che "c'è una grande possibilità di un tentativo di omicidio di Putin da parte dei servizi speciali di Stati Uniti, Gran Bretagna e Ucraina. Dopo la sconfitta a Kherson, lo status della Russia come grande potenza è discutibile. Faranno pressioni e chiederanno una capitolazione morbida". Markov è tra coloro che hanno duramente criticato le ultime mosse del Cremlino in Ucraina.

Ad ogni modo, la decisione di Putin di rimanere a Mosca sottolinea ancora di più l'isolamento suo e della Russia dal resto del mondo.

3312 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni