107 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
4 Marzo 2022
16:49

Perché la Nato non interverrà in Ucraina né su terreno né su spazio aereo

La reazione di condanna contro la Russia è stata quasi unanime, ma chi crede immediato un intervento della Nato in Ucraina, dovrà rivedere le sue aspettative.
107 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Il nono giorno del conflitto tra Ucraina e Russia è segnato dalle conseguenze date dall'attacco russo alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. La reazione di condanna è stata unanime, ma chi crede immediato un intervento della Nato in Ucraina, dovrà rivedere le sue aspettative. Perché la Nato, da alleanza difensiva, non cercherà alcun tipo di conflitto. Le parole in conferenza stampa del segretario di Stato Usa Anthony Blinken e del segretario generale della Nato Jens Stoltenberg non trovano spazio per incomprensioni: "La Nato resta unita, ma agirà con determinazione e rapidità in caso di attacco". Tradotto: se la Russia tocca un solo Paese della Nato, allora sarà guerra.

La Nato è un'alleanza difensiva: non attaccherà la Russia

Paesi come la Lituana, la Lettonia e l'Estonia sono entrati nella Nato in seguito al quinto allargamento (era il 2004). L'Ucraina non è un paese Nato e un intervento dell'organizzazione difensiva potrebbe avvenire solo dal momento in cui la Russia dovesse rappresentare una minaccia per i Paesi della Nato. Come confermato nel corso della conferenza stampa odierna, la Nato entrerà in conflitto "solo se è il conflitto a venire da noi". Sono state queste le parole di Jens Stolentberg e di Anthony Blinken: "La Nato è un'alleanza difensiva, noi non cerchiamo il conflitto. Ma se il conflitto viene da noi saremo pronti". 

I giorni che verranno saranno peggiori

Ecco perché le dure sanzioni applicate alla Russa per adesso possono bastare come risposta alla brutale invasione dell'Ucraina. "Questa è la guerra messa in atto dal presidente Putin, la guerra che ha scelto, pianificato e che sta imperversando contro un Paese pacifico", ha detto il segretario Nato Stoltenberg, "chiediamo al presidente Putin di fermare immediatamente questa guerra, ritirare tutte le sue forze dall'Ucraina senza condizioni e di impegnarsi ora in una vera diplomazia". L'Ucraina è il teatro di una delle aggressioni peggiori degli ultimi decenni: scuole, ospedali, città, complessi residenziali, attacchi alle centrali nucleari. "E i giorni che verranno, saranno anche peggiori", ha sostenuto ancora Stoltenberg.

107 CONDIVISIONI
2862 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni