19 Ottobre 2022
18:44

Perché in Germania l’inverno peggiore per energia ed economia sarà quello 2023: l’allarme del FMI

Gita Gopinath, vicedirettrice del Fondo monetario internazionale: “La crisi energetica non scomparirà rapidamente, i prezzi dell’energia rimarranno alti per molto tempo. L’inverno 2023 potrebbe essere il peggiore”.
A cura di Davide Falcioni

Mala tempora currunt anche nella ricca ed economicamente solida Germania. Secondo Gita Gopinath, vicedirettrice del Fondo monetario internazionale (FMI), i tempi bui che il Paese si appresta a vivere non saranno che un assaggio di quello che potrebbe arrivare tra un anno.

L'economista – nel corso di un’intervista che ha rilasciato al quotidiano Handelsblatt – ha annunciato che la crisi energetica "non finirà presto" per la Germania: se è senz'altro vero che il Paese dovrà far fronte a un inverno – il prossimo – molto "difficile", è altrettanto vero che quello del 2023 "potrebbe essere anche peggio". 

La vicedirettrice del Fondo Monetario Internazionale ha spiegato che "la crisi energetica non scomparirà rapidamente, i prezzi dell'energia rimarranno alti per molto tempo", e questo determinerà conseguenze sui cittadini e le imprese tedesche, già duramente colpite dall'attuale debolezza della crescita globale. La Germania dispone di un sistema industriale più forte rispetto ad altri paesi e "queste aziende stavano già lottando con le catene di approvvigionamento interrotte durante la pandemia di coronavirus, e ora si aggiungono i costi energetici in rapido aumento", ha affermato Gopinath.

"La Germania è una zona industriale e quindi attualmente risente degli effetti di questi shock in modo particolarmente chiaro". Per questa ragione gli investimenti per estendere la produzione di energia da fonti rinnovabili devono essere implementati in modo significativo. La Germania però ha bisogno anche di forniture energetiche affidabili da altri paesi. "Il governo federale sta lavorando su entrambi i fronti", ha affermato Gopinath.

Il Fondo Monetario Internazionale ha abbassato le sue previsioni di crescita per la Germania la scorsa settimana. A differenza di Francia, Spagna e Gran Bretagna, si prevede una contrazione della produzione economica in Germania nel 2023, in particolare di meno 0,3%.

L'economia globale è
L'economia globale è "pericolosamente vicina" alla recessione nel 2023, avverte la Banca mondiale
"L'economia mondiale sta andando meglio del previsto": Bce e Fmi concordano al forum di Davos
Il Fmi migliora le previsioni per l'Italia, niente recessione nel 2023 ma i prezzi saliranno ancora
Il Fmi migliora le previsioni per l'Italia, niente recessione nel 2023 ma i prezzi saliranno ancora
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni