54 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Guerra in Ucraina, a giugno la conferenza di pace in Svizzera. Mosca: “Nessun invito, ma rifiuteremmo”

La conferenza sulla pace in Ucraina si terrà in Svizzera il 16 e 17 giugno 2024: è quanto ha ufficializzato il governo di Berna. Potrebbe essere presente anche il presidente Usa, Joe Biden. Assente la Russia: “Non è un buon segnale”.
A cura di Ida Artiaco
54 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Si terrà a metà giugno, in Svizzera, nel Burgenstock resort di Lucerna, la conferenza sulla pace in Ucraina. È quanto ha ufficializzato oggi il governo di Berna. Stando a quanto riporta la stampa locale, anche il presidente Usa Joe Biden potrebbe partecipare. Secondo indiscrezioni, sono attesi leader da 80-100 Paesi provenienti da Europa, Africa, America Latina e Medio Oriente e secondo Bloomberg la conferenza dovrebbe svolgersi il 16 e 17 giugno.

Biden potrebbe parteciparvi dopo il vertice dei leader del G7 in Italia in programma dal 13 al 15 giugno. Tra le varie presenze, una grande assenza, quella della Russia, che ha bollato la conferenza in Svizzera "sulla pace in Ucraina" come un progetto "americano", come l'ha definito la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, secondo la quale dietro l'evento "ci sono i democratici americani che hanno bisogno di fotografie e video di eventi che indicherebbero che il loro progetto ‘Ucraina' è ancora a galla".

Come ha poi precisato l'ambasciata russa in Svizzera, secondo quanto riportato dalla Tass, "la Svizzera non ha invitato la Russia alla conferenza per la pace in Ucraina, e qualora dovesse arrivare un invito Mosca lo rifiuterà".

"L'assenza della Russia alla Conferenza di pace in Svizzera sull'Ucraina non è un buon segnale: vuol dire che non vuole la pace. Si mette dalla parte sbagliata, quella in cui è il più forte che soffoca il più debole, che non può essere la regola", è stato il commento del vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani, arrivando all'assemblea nazionale di Cifa Italia.

Intanto, continua la guerra sul campo. Quattro persone sono state uccise – tra cui una bambina – e altre sette sono rimaste ferite in un attacco missilistico russo contro la regione di Odessa, nel sud dell'Ucraina. Lo ha dichiarato il governatore regionale. "Il lancio di missili effettuato in serata dai russi nella regione di Odessa ha provocato quattro morti" tra cui "una bambina di 10 anni. Altre sette persone sono rimaste ferite, un uomo è in gravi condizioni, gli sono stati amputati gli arti inferiori", ha detto Oleg Kiper su Telegram.

Attaccati anche due villaggi del distretto di Kharkiv, Liptsi e Mala Danylivka: un adolescente è morto e due persone sono rimaste ferite. Lo riferisce il capo della regione di Kharkiv, Oleg Sinegubov, come riporta Rbc Ukraina.

54 CONDIVISIONI
4265 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views