Filomena ha messo in ginocchio in queste ore la Spagna. La tempesta di neve ha bloccato tutto il Paese, mandando in tilt gli aeroporti e le strade del Paese. Colpita soprattutto l'area metropolitana di Madrid, dove sono state sospese le corse degli autobus pubblici e la raccolta rifiuti e dove l'aeroporto internazionale di Barajas è stato chiuso da ieri per "motivi di sicurezza". Chiuse una cinquantina di scuole. Nelle maggiori autostrade attorno alla capitale è dovuto intervenire l’esercito per aiutare gli automobilisti rimasti intrappolati nelle loro auto.

La nevicata è stata la peggiore degli ultimi 50 anni nella capitale spagnola. E le temperature potrebbero scendere fino a -12 gradi. "Oggi è stato difficile, ma domani lo sarà ancora di più. Il municipio di Madrid lavorerà sodo, ma abbiamo bisogno che tu resti a casa", ha twittato il sindaco di Madrid José Luis Martinez-Almeida in un video postato poco prima di mezzanotte.

Inevitabile anche il rinvio delle partite di calcio previste a Madrid. La Liga, dopo aver consultato i due club, ha deciso la sospensione dell'incontro tra Atlético Madrid e Athletic Bilbao. Ieri la squadra basca non è potuta atterrare a Madrid proprio a causa della tempesta di neve ed ha dovuto far rientro a Bilbao in prima serata.

La bassa pressione proveniente dall'Oceano Atlantico aveva già fatto scendere mercoledì la temperatura a -34,1C, la più bassa mai registrata nella Penisola Iberica, secondo quanto riportato dall'Agenzia Metereolgica Statale (AEMET). Filomena ha portato anche mare mosso sulla costa e la neve nella capitale Madrid, un evento insolito. Nel 2009, una precedente nevicata aveva portato il caos nella capitale spagnola.