238 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
20 Novembre 2022
11:45

L’Ucraina risponde agli USA: “Negoziare con la Russia? Sarebbe una capitolazione”

Mykhaylo Podolyak, principale consigliere del presidente ucraino Zelensky, ha dichiarato che l’avvio di un negoziato con la Russia equivarrebbe ad una capitolazione di Kiev.
A cura di Davide Falcioni
238 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Mykhaylo Podolyak, principale consigliere del presidente ucraino Zelensky, ha dichiarato che l'avvio di un negoziato con la Russia equivarrebbe ad una capitolazione di Kiev.

Intervistato dall'agenzia di stampa France Press, Podolyak ha affermato che le pressioni dell'Occidente affinché l'Ucraina accetti di sedere a un tavolo con Mosca – proprio ora che si stanno conseguendo importanti risultati militari sul campo di battaglia – rappresentano una "bizzarra" richiesta di resa.

"Quando hai l'iniziativa sul terreno, è un po' strano ricevere proposte del tipo: ‘Non sarai comunque in grado di fare tutto con mezzi militari, devi negoziare'", ha detto Mykhaylo Podolyak.

Ciò, secondo il consigliere di Zelensky, significherebbe che il Paese "che recupera i suoi territori, deve capitolare davanti al Paese che sta perdendo". Podolyak ha aggiunto che la Russia non aveva fatto "alcuna proposta diretta" a Kiev per i colloqui di pace ed è probabile che utilizzerà i negoziati  "semplicemente per prendere tempo".

Gli USA: "In inverno possibile negoziare la pace"

Le dichiarazioni del diplomatico ucraino rappresentano un'esplicita replica al capo di stato maggiore Usa, Mark Milley, che nei giorni scorsi aveva aperto a un avvio dei colloqui in vista dell'inverno: "La probabilità di una vittoria militare ucraina che cacci via tutti i russi dal Paese, inclusa la Crimea, è molto bassa".

L'alto ufficiale statunitense ha quindi lasciato trapelare la possibilità che nei prossimi mesi le Kiev e Mosca siedano a un tavolo e avviino una trattativa che porti almeno a un cessate il fuoco. "I russi hanno fallito da un punto di vista strategico e tattico in tutta l'Ucraina", ha affermato il capo di stato maggiore americano, per poi aggiungere che l'arrivo dell'inverno comporterà un naturale calo nelle battaglie sul campo e per questo "potrebbe essere una buona finestra per negoziare la pace".

238 CONDIVISIONI
3290 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni