E' riuscito a mantenere il sangue freddo e a salvare la vita a un avversario che aveva appena perso i sensi durante una partita di calcio crollando a terra. E' accaduto in Spagna, e il protagonista è Cristian Fernandez, un bambino di appena 12 anni che stava disputando una partita tra San Fernando CD – la sua squadra – e Medina Balompié. Il giovanissimo calciatore è stato il primo a soccorrere il coetaneo Daniel Delgado, suo avversario, che dopo quello che sembrava solo un banale scontro di gioco si è accasciato a terra perdendo i sensi e rimanendo immobile.

Nei primi, interminabili, istanti dopo l'infortunio molti dei ragazzi in campo sono rimasti disorientati, probabilmente ignorando cosa avrebbero potuto fare per aiutare il giovane a terra. Solo Cristian ha avuto la prontezza di attivarsi: si è avvicinato all'avversario, l'ha girato su un fianco e gli ha aperto la bocca estraendogli la lingua per evitare che ne causasse un soffocamento, quindi ha atteso l'arrivo di altri soccorritori e dell'ambulanza. Dopo l'arrivo dei medici Cristian si è allontanato e, anche a causa della forte tensione, è scoppiato in un pianto liberatorio. Il giovane Daniel Delgato ha riacquistato conoscenza subito dopo ed è stato tenuto sotto osservazione in ospedale.

La notizia dell'atto eroico del 12enne ha fatto il giro della Spagna: "Ho soccorso quel bambino perché sapevo farlo, l'ho visto fare in una partita in cui Fernando Torres aveva perso i sensi ed era stato soccorso così", ha detto Cristian. "Tutti i ragazzi erano spaventati, Cristian invece è stato coraggioso e gli ha salvato la vita", ha aggiunto il suo allenatore, avvalorando ulteriormente il suo gesto.