4.531 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
4 Marzo 2022
11:17

L’appello di Zelensky ai russi: “Scendete in piazza contro l’attacco alla centrale nucleare”

Questa notte è stata attaccata la centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande in Europa. Il presidente Zelensky ha invitato i russi a scendere in piazza: “Le radiazioni non conoscono confini”.
A cura di Natascia Grbic
4.531 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"Le truppe russe hanno attaccato la centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d'Europa. Potrebbe essere come a Chernobyl". Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un nuovo video diffuso sui suoi canali social. Due persone sono rimaste ferite nell'attacco: si tratta del personale di sicurezza che lavora nello stabilimento. L'agenzia internazionale per l'energia nucleare ha specificato che i reattori non sono stati danneggiati e al momento non si rileva un aumento delle radiazioni. Il presidente Zelensky ha rivolto un appello ai russi, chiedendogli di scendere in piazza a manifestare. "Abbiamo vissuto una notte che potrebbe fermare la storia. La storia dell'Ucraina. La storia dell'Europa. Il nemico ha portato la stragrande maggioranza delle sue truppe nel territorio del nostro Stato. Abbiamo bisogno di una chiusura immediata del cielo sopra l'Ucraina". Zelensky ha poi ribadito la necessità di un rafforzamento delle sanzioni contro quello che definisce un "Paese terrorista nucleare". "Un disastro nucleare nella centrale di Zaporizhzhia sarebbe sei volte peggiore di quello di Chernobyl – attacca Zelensky – I carri armati russi sapevano perfettamente a cosa stavano sparando, hanno puntato direttamente alla centrale".

Nel suo videomessaggio Zelensky ha voluto ricordare il disastro di Chernobyl, avvenuto nel 1986 e dell'alleanza che in quel momento intercorreva tra Ucraina e Russia per cercare di limitare l'effetto delle radiazioni. "Popolo russo, voglio rivolgermi a te. Com'è possibile? Insieme, nel 1986, abbiamo lottato contro le conseguenze del disastro di Chernobyl. Dovete ricordare la grafite bruciata sparsa dall'esplosione. Le vittime. Se non avete dimenticato, allora non potete tacere. Dovete scendere in piazza e dire che volete vivere. Vivere sulla terra senza contaminazione radioattiva. Le radiazioni non sanno dove sia il confine della Russia".

Sono oltre i 9mila i soldati uccisi dall'esercito russo, spiega Zelensky. "Li stiamo battendo vicino a Mykolayiv. Li stiamo battendo vicino a Kharkiv. Li stiamo battendo vicino a Kiev. La capitale rimane un obiettivo chiave per gli occupanti, ma non infrangeranno la nostra capacità di essere uno Stato. Mai. Qualunque cosa facciano, perderanno comunque. Stiamo combattendo contro un potente nemico che ci supera in numero. Che ci supera per quantità di equipaggiamento. Ma che è lontana migliaia di anni luce dalle persone normali che hanno dignità. Abbiamo vissuto una notte che avrebbe potuto fermare la storia dell'Ucraina e dell'Europa".

4.531 CONDIVISIONI
2569 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni