428 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
4 Marzo 2022
07:58

Cos’è successo stanotte in Ucraina: attacco a centrale Zaporizhzhia, Chernihiv e Kharkiv ma Kiev resiste

Notte di bombardamenti in Ucraina, ecco cosa è successo nelle ultime ore: un incendio è scoppiato nei pressi della centrale nucleare di Zaporizhzhia, bombe su Chernihiv e Kharkiv, dove sono stati colpiti anche civili, ma Kiev resiste.
A cura di Ida Artiaco
428 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Comincia oggi il nono giorno dell'invasione russa in Ucraina. Dopo il secondo round di negoziati tra le delegazioni dei due Paesi in Bielorussia, che non è stato risolutivo e per questo si andrà verso un terzo colloquio nei prossimi giorni, sono continuati per tutta la notte gli attacchi alle città: missili sono caduti a Chernihiv, Kharkiv e Mariupol, mentre un incendio è scoppiato nei pressi della centrale nucleare Zaporizhzhia. Tuttavia, la Capitale Kiev resiste ancora.

L'incendio alla centrale nucleare di Zaporizhzhia

I bombardamenti sono arrivati fino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d'Europa a Sud-Est dell'Ucraina, vicina alla località di Enerhodar. Fonti internazionali hanno informato che l'unità 1 dell'impianto è stata colpita e intorno al sito è divampato un incendio. Anche l'Aiea, l'Agenzia internazionale per l'Energia atomica, è stata informata di quanto successo. La situazione è tornata sotto controllo intorno alle 6 di questa mattina. Il presidente Zelensky, in un video pubblicato sui social, ha dichiarato che "la più grande centrale nucleare d'Europa in questo momento è sotto attacco. Nessuno Stato ha mai sparato contro una centrale nucleare, per la prima volta nella storia umana. Se c'è un'esplosione, questa è la fine dell'Europa", accusando Mosca di voler ripetere Chernobyl, tuttavia, per il Servizio statale di emergenza dell'Ucraina l'incendio alla centrale nucleare di Zaporizhzhia le radiazioni di fondo sono normali. Non ci sono vittime.

Bombe e combattimenti a Chernihiv e Kharkiv

 

Dopo che le forze russe hanno fatto sapere di controllare gli edifici del governo locale e regionale nel porto di Kherson sul Mar Nero e dopo aver rafforzato l'assedio di Mariupol, sono continuati i bombardamenti e i colpi di artiglieria contro le città di Chernihiv e Kharkiv, dove sono stati presi di mira anche i civili. Ihor Terekhov, sindaco di Kharkiv, ha detto alla Cnn poco fa che l'esercito russo "cerca intenzionalmente di eliminare il popolo ucraino" poiché prende di mira obiettivi civili. "Finora Kharkiv è stata duramente colpita dai continui bombardamenti. Gli aerei volano costantemente, vengono lanciati razzi e granate e le case residenziali vengono colpite senza distinzione", ha aggiunto. Solo nella regione di Kharkiv a ieri i servizi di emergenza statali in Ucraina hanno affermato che 34 civili sono stati uccisi in 24 ore e altri 285 sono rimasti feriti.

Kiev resiste: convoglio russo ancora lontano dalla Capitale

 

Continua tuttavia a resistere Kiev. Dispositivi di sbarramento anticarro sono stati piazzati in vari punti del centro, con l’obiettivo di bloccare l’avanzata dei veicoli militari russi, come riporta su Twitter The Kyiv Independent, postando anche alcune foto di sbarramenti stradali posizionati nell’area della centrale Piazza Indipendenza. Secondo quanto riferito in un rapporto dell'Intelligence inglese, l'avanzata russa sulla Capitale ucraina sarebbe stata ritardata da "ferma resistenza ucraina, da guasti meccanici e congestione delle strade" e per questo il convoglio di mezzi russi rimane a più di 30 chilometri dal centro. Nello specifico, si legge nel documento, "il corpo principale della grande colonna russa che avanza su Kiev ha fatto pochissimi progressi negli ultimi tre giorni". Tuttavia, circolano alcune indiscrezioni, riportate dal Guardian, secondo cui 15.000 soldati, appartenenti a quel convoglio, siano potenzialmente in attesa di rifornimenti logistici prima di un assalto a Kiev.

 
428 CONDIVISIONI
2698 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni