788 CONDIVISIONI
Covid 19
20 Novembre 2021
12:12

La Germania si prepara già alla quinta ondata Covid: “L’inverno dipenderà da ciò che accade ora”

Lothar Wieler, presidente del Robert Koch Institute, sull’emergenza Covid-19 in Germania: “Se la riduzione dei contatti e la vaccinazione non avranno successo in modo intensivo, avremo anche una quinta ondata secondo l’attuale modello”.
A cura di Ida Artiaco
788 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Se la riduzione dei contatti e la vaccinazione non avranno successo in modo intensivo, avremo anche una quinta ondata secondo l'attuale modello". A lanciare l'allarme è Lothar Wieler, presidente del Robert Koch Institute, l’organizzazione responsabile per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive in Germania che fa parte del Ministero federale della salute tedesco, che ha spiegato alla stampa locale quale è la situazione Covid in Germania e perché è importante prendere in questo momento le decisioni più giuste per non andare incontro ad una nuova impennata di casi: "Il resto dell'inverno dipende molto da ciò che accade ora. È importante ridurre i contatti in tutto il Paese e aumentare massicciamente le attività di vaccinazione", ha aggiunto.

Wieler ha anche sottolineato che le grandi celebrazioni, i grandi eventi e i raduni di persone al chiuso dovrebbero essere evitati per i prossimi giorni: "Gli effetti di ciò si vedrebbero nel numero di infezioni tra due settimane".

Già ieri, nel corso di una conferenza stampa, Wieler aveva affermato che "siamo in uno stato di emergenza nazionale, dobbiamo tirare il freno d’emergenza". Intanto, il numero dei nuovi contagi da Coronavirus continua a mantenersi alto: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 63.924 contagi. Esattamente una settimana fa ne erano 45.081. L'incidenza per 100mila abitanti su sette giorni è di 362,2 casi in aumento rispetto a ieri, quando era pari a 340,7, a una settimana fa (277,4), mentre il mese scorso era addirittura a quota 80,4. Il Covid ha provocato nelle ultime 24 ore nel paese la morte di 248 persone contro le 228 di una settimana fa. I dieci distretti regionali maggiormente colpiti sono quasi tutti in Sassonia e Baviera. Nella quasi totalità di questi, l'incidenza su sette giorni per 100mila abitanti ha superato i mille casi.

Lothar Wieler (Getty).
Lothar Wieler (Getty).

Tuttavia, secondo Wieler, bisogna intervenire subito anche nei Laender in cui la situazione è più sotto controllo: "Negli stati federali dove i numeri sono ancora bassi, abbiamo la possibilità di stabilizzarli e mantenerli a questo livello con restrizioni di contatto. Dove i numeri sono alti, in realtà è già molto tardi, se non troppo tardi ", ha detto, aggiungendo: "La seconda cosa che dobbiamo fare ora è aumentare in modo massiccio le attività di vaccinazione, anche se da questo punto di vista avremo un effetto a medio termine, non nell'immediato".

Per questo, l'esperto ha concluso: "Il vaccino è la via d'uscita dalla pandemia, ma questo non significa che altre misure possano essere completamente trascurate. Ciò che alcune persone potrebbero non comprendere appieno è che non esiste una protezione al cento per cento e che la protezione contro le infezioni non è così alta come quella contro le malattie gravi".

A lui ha fatto eco Thomas Mertens, presidente di Stiko, la commissione speciale tedesca sui vaccini, che considera possibile una quinta ondata. "C'è da aspettarsi che ci sarà anche una quinta ondata nell'inverno 2022", ha detto ai media tedeschi. "Quanto sarà forte dipenderà in gran parte da quante persone sono vaccinate", ha concluso.

788 CONDIVISIONI
31052 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni