28 Luglio 2021
19:59

La Francia offre 1.500 euro a chi cambia la vecchia auto con una bici elettrica

L’Assemblea Nazionale ha approvato un pacchetto di norme per contrastare l’inquinamento e il cambiamento climatico: lo Stato offrirà 1.500 euro ai cittadini che cambieranno la vecchia auto con una bici a pedalata assistita. Vietati i viaggi in aereo quando si potrà optare per il più ecologico treno. E nelle mense scolastiche ci saranno menù vegetariani e molta meno carne.
A cura di Davide Falcioni

La Francia sembra aver preso finalmente sul serio la lotta al cambiamento climatico. Il Parlamento ha infatti approvato in via definitiva un pacchetto di norme volte a ridurre l'inquinamento atmosferico, a partire dal consumo di fonti fossili: lo Stato offrirà un contributo di 1.500 euro a tutti coloro che decideranno di abbandonare la loro vecchia automobile in cambio di una bicicletta a pedalata assistita. Altri mille euro andranno a chi acquisterà invece una cargo bike. Il provvedimento è stato voluto proprio "per promuovere l'uso della bici elettrica come alternativa al veicolo individuale e per favorire il passaggio verso i mezzi di trasporto sostenibili, soprattutto nelle aree urbane e nelle sue periferie", hanno spiegato in una nota congiunta i ministri dell'Economia e dei Trasporti del Governo Macron, aggiungendo che potranno accedere al contributo persone fisiche, comunità locali, associazioni o professionisti che intendano scegliere alternative ecologiche per il trasporto urbano.

Francia, vietati i viaggi in aereo se ci si potrà spostare in treno

La legge per "il clima e la resilienza" è stata approvata dall'Assemblea Nazionale dopo un articolato dibattito: oltre al contributo per l'acquisto di una bicicletta a pedalata assistita al posto dell'automobile prevede il tassativo divieto di viaggiare in aereo quando vi sia un'alternativa ferroviaria di durata inferiore a due ore e mezza che venga garantita più volte al giorno. Per quanto concerne il capitolo dei consumi, la normativa francese vieta la pubblicità dei combustibili fossili e, dal 2028, quella dei veicoli più inquinanti. Stabilisce inoltre il divieto, dal 2025, di imballaggi alimentari in polistirolo monouso. Le grandi catene di supermercati saranno obbligate a dedicare almeno il 20% della superficie dei negozi  alla vendita dei prodotti sfusi. A partire dal 2028 sarà inoltre vietato affittare case poco coibentate e quindi con costi energetici elevati.

Troppa carne inquina: nelle mense scolastiche introdotti menù vegetariani

Ma non è tutto: sempre per combattere l'inquinamento verrà fortemente limitato il consumo di carne in tutte le mense scolastiche, dove un giorno alla settimana verrà obbligatoriamente proposto un menù vegetariano. In alcune città verrà inoltre offerta la possibilità di scegliere un'opzione vegetariana "quotidiana". A partire dal 2024, inoltre, almeno il 60% della carne e del pesce nei menù dovranno essere di "qualità", sebbene non sia stato specificato cosa si intenda con questo termine. Il 20% dei prodotti alimentari invece dovrà essere di origine biologica.

Greenpeace: "Macron poco ambizioso. Poteva fare di più"

La legge – che in Italia appare ancora come un miraggio – è stata criticata da organizzazioni ambientaliste come Greenpeace e parlamentari di sinistra, che hanno accusato Macron di  "scarsa ambizione" e di aver introdotto date troppo tardive. Céleste Duriez, rappresentante dell'ONG Réseau Action Climat, ha affermato che la legge "non ci consente di raggiungere i nostri obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra".

In auto due sacchi di banconote per 450mila euro: arrestato 32enne a Palmi
In auto due sacchi di banconote per 450mila euro: arrestato 32enne a Palmi
1 metro d'acqua in autostrada, auto bloccate: disastro per la circolazione
1 metro d'acqua in autostrada, auto bloccate: disastro per la circolazione
7.197 di Viral News
Belluno, macchinine elettriche al posto delle barelle in pediatria: così i bimbi faranno le visite
Belluno, macchinine elettriche al posto delle barelle in pediatria: così i bimbi faranno le visite
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni