814 CONDIVISIONI
Covid 19
31 Agosto 2022
10:06

In Cina milioni di persone di nuovo in lockdown per Covid: cosa sta succedendo

La Cina insiste con la strategia “zero Covid”: milioni di persone tornano in lockdown per contenere gli ultimi focolai di Covid-19. Colpite città industriali come Shenzhen, Guangzhou, Dalian, Chengdu e Shijiazhuang.
A cura di Susanna Picone
814 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Torna il lockdown in Cina. Nuove restrizioni per milioni di persone sono state decise dalle autorità a causa degli ultimi focolai di Covid-19 che hanno colpito città industriali come Shenzhen, Guangzhou, Dalian, Chengdu e Shijiazhuang. A Dalian, nel Liaoning, il nuovo lockdown colpisce circa la metà dei suoi 6 milioni di residenti. Le misure avranno una durata di 5 giorni. A Shenzhen, nel Guangdong, il blocco riguarda almeno 4 distretti: circa 9 milioni i residenti colpiti.

A Guangzhou, capoluogo del Guangdong vicino a Hong Kong, sono stati posticipati i rientri negli asili nido, nelle scuole primarie, media e superiori. Secondo quanto riportato dai media, invece, gli studenti che già erano rientrati a scuola sono tornati a casa. Sono inoltre stati ridotti i servizi di autobus e metropolitana. Nel distretto sono stati rilevati martedì 5 contagi Covid trasmessi localmente: un numero ritenuto sufficiente per chiudere alcune aree di un distretto fino a sabato.

La Cina martedì ha riportato 1.717 casi di trasmissione locale, 52 dei quali nella provincia di Liaoning, dove si trova Dalian. La maggior parte dei casi è stata segnalata nella provincia del Sichuan, la cui capitale è Chengdu, e la maggioranza era asintomatica. La politica della tolleranza zero per il Covid, che la Cina continua a seguire, ha contribuito a frenare l'economia. Secondo Capital Economics, 41 città, responsabili del 32% del Pil cinese, sono attualmente coinvolte nella stretta anti-Covid, il numero più alto da aprile.

Per quanto riguarda Pechino, i viaggi in entrata e in uscita dalla capitale sono stati scoraggiati e i residenti sono sottoposti a test quasi ogni giorno in vista anche del XX Congresso del partito comunista che aprirà i battenti il prossimo 16 ottobre. L'Anbound Research Center, un think tank cinese, ha fatto sapere lunedì che la chiusura per la pandemia ha prodotto blocchi al commercio, ai viaggi e all’industria e ha sollecitato un cambio di rotta per evitare uno "stallo economico", invitando la leadership a concentrarsi sulla crescita come fatto da Usa, Europa e Giappone.

Anche in Europa, intanto, l'Oms prevede un nuovo aumento dei casi in autunno. "Con l'avvicinarsi dell'autunno-inverno, prevediamo un aumento dei casi, con o senza una recrudescenza dell'influenza stagionale in Ue", ha detto ieri il direttore Hans Kluge in conferenza stampa. "La priorità ora è somministrare una seconda dose di richiamo del vaccino anti-Covid ai più vulnerabili, inclusi gli anziani, gli individui immunocompromessi e quelli con patologie pregresse. Stiamo anche esortando i paesi a somministrare il vaccino antinfluenzale insieme al vaccino Covid, quando possibile", ha aggiunto l'Oms Europa.

814 CONDIVISIONI
32129 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni