Il Belgio vara nuove restrizioni per provare a contrastare il continuo aumento di contagi da Coronavirus. Arriva il coprifuoco dopo la mezzanotte e la chiusura di bar e ristoranti la sera per un mese. Le misure dovrebbero entrare in vigore a partire da lunedì, con un coprifuoco che andrà dalla mezzanotte alle 5 di mattina. La vendita di alcolici sarà vietata dopo le 20 e il numero di persone che i cittadini belgi potranno incontrare al di fuori dei membri della famiglia sarà ridotto da tre a uno per tutto il mese. Inoltre viene ordinato ai lavoratori di ricorrere sempre allo smart working, quando possibile.

L’emergenza Coronavirus in Belgio

Il Belgio è tra i Paesi più colpiti dalla seconda ondata in Europa: con una popolazione di circa 11,5 milioni di abitanti, si registrano mediamente – nell’ultima settimana – almeno 6mila casi al giorno. “Il numero di casi confermati sta salendo, ogni giorno, e non solamente di una minima percentuale”, ammette il primo ministro Alexander De Croo: “Possiamo vedere come i nostri ospedali e i nostri servizi medici siano sotto una tremenda pressione”. De Croo prosegue: “Il nostro obiettivo è fare scendere questi numeri, che sono molto più alti rispetto a marzo e aprile”.

Le nuove restrizioni in Belgio

A rimanere aperta in Belgio, al momento, è la scuola. Ma lo stesso non si può dire per i locali. Con caffè e ristoranti che verranno chiusi per quattro settimane. Una prima valutazione di come andrà questa misura verrà fatta dopo due settimane dalla sua entrata in vigore. La decisione è stata presa dai ministri del governo federale e delle comunità e delle regioni. Questo Comitato di consultazione ha deciso di stabilire il coprifuoco notturno a livello nazionale. Una misura già applicata in due province e che ora viene estesa a tutto il Paese. Si potrà circolare di notte solamente per motivi di salute o di lavoro. Bar e ristoranti, invece, erano già stati chiusi nella capitale Bruxelles fino all’8 novembre.