Quel suo coming out di pochi mesi dopo anni di voci su di lui gli era costato tantissimo, così quando il suo primo ragazzo lo ha lasciato lui non ha retto alla delusione e si è ucciso. È la triste storia di un ragazzino britannico di soli 16 anni, Zenon Bartlett, trovato morto dalla madre nella sua cameretta nella casa di famiglia a Winchester, nella contea dell'Hampshire, nell'Inghilterra meridionale. Come accertato ora dall'inchiesta sul caso, il giovane da diversi giorni sembrava sconvolto per la delusione d'amore e aveva già menzionato il desiderio del suicidio prima della morte.

"Quando lo ha accennato la prima volta non pensavo fosse serio, perché lui sembrava così felice, non sapevo che invece era a terra", ha spiegato la madre ricordando che il 16enne nei mesi precedenti al drammatico gesto aveva programmato di andare al college, e poi all'università perché voleva diventare un avvocato a del fatto. La scioccante scoperta è avvenuta all'inizio di settembre quando la donna è salita in camera del figlio che non le rispondeva trovandolo impiccato all'armadio.

"Era un ragazzo sensibile che è rimasto colpito dalla prospettiva della fine del suo rapporto d'amore" hanno spiegato gli inquirenti, aggiungendo: "Come tanti altri giovani della sua età Zenon era in fase di transizione tra l'infanzia e l'età adulta. Stava sperimentando nuove cose come l'alcool e il tabacco ma più significativamente aveva stabilito che era gay e aveva formato una relazione con un altro ragazzo". Proprio la rottura di quel rapporto però ha fatto scattare in lui uno stress emotivo troppo forte che non è riuscito a controllare.