229 CONDIVISIONI
Conflitto Israelo-Palestinese

Il disperato viaggio degli abitanti di Gaza per sfuggire ai raid israeliani: “Cadaveri ovunque”

Migliaia di persone, inclusi donne, anziani, disabili e bambini, stanno raggiungendo a piedi il Sud della Striscia di Gaza per fuggire dal Nord dove si stanno intensificando i raid israeliani contro Hamas. “Abbiamo camminato accanto a persone fatte a pezzi, cadaveri. Abbiamo camminato accanto ai carri armati”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
229 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto Israelo-Palestinese

Migliaia di palestinesi si sono messi in viaggio ieri per raggiungere il Sud della Striscia di Gaza, lasciando l'area Nord dove si sono intensificati i raid israeliani contro Hamas. Lo hanno fatto camminando a piedi per chilometri e chilometri: donne, bambini, anziani e disabili si sono fatti strada, tenendo strette tra le mani bandiere bianche, lungo la Salah al-Din, una delle due autostrade che collegano la parte settentrionale e quella meridionale di Gaza, lungo un corridoio di evacuazione annunciato dalle forze di difesa israeliane.

Un uomo ha raccontato a un giornalista della CNN che lui e i suoi vicini avevano vissuto "giorni orribili", dopo aver lasciato la propria casa nel nord di Gaza. "Questa guerra non ha lasciato nulla di sicuro: né chiese,moschee o altro. Oggi hanno lasciato cadere il volantino che ci ordinava di partire verso la presunta zona sicura. Adesso siamo oltre quest’area di Wadi Gaza e sentiamo ancora i bombardamenti. Non esiste un posto sicuro a Gaza", ha continuato, aggiungendo: "Non è rimasto nulla. Non potevamo portare niente: niente vestiti, niente acqua, niente. La strada qui è stata molto difficile. Non ci è permesso rallentare. Ci sono cadaveri ovunque".

Baraa, una ragazza di 16 anni, ha detto sempre all'emittente americana che stava camminando da molto tempo. "Siamo passati accanto a persone fatte a pezzi, cadaveri. Abbiamo camminato accanto ai carri armati. Gli israeliani ci hanno chiamato e chiedevano alla gente di togliersi i vestiti e buttare via le proprie cose. I bambini erano molto stanchi perché non c’era acqua".

Ieri le Nazioni Unite hanno dichiarato che almeno 15mila palestinesi hanno lasciato il nord di Gaza martedì, utilizzando la principale arteria stradale, Salah al-Din. Al momento, oltre il 70% dei 2,3 milioni di residenti di Gaza sono sfollati. Intanto, l'esercito israeliano ha fatto sapere le sue truppe di terra hanno circondato Gaza City e sono impegnate in combattimenti contro gruppi palestinesi. Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, più di 10.569 persone sono state uccise negli incessanti bombardamenti israeliani dall'inizio della guerra scoppiata dopo l'attacco di Hamas dello scorso 7 ottobre, tra cui 4.324 bambini.

Immagine

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha affermato martedì che le truppe dell’Idf si trovavano nel "cuore della città di Gaza" e stavano prendendo di mira le infrastrutture e i comandanti di Hamas. "Gaza è la più grande roccaforte del terrore che l’umanità abbia mai costruito. L'intera città è una grande base terroristica. Sottoterra, hanno chilometri di tunnel che collegano agli ospedali e alle scuole", ha precisato Gallant. "Continuiamo a smantellare questa capacità", ha aggiunto mentre migliaia di persone hanno dovuto la propria casa.

Immagine
229 CONDIVISIONI
622 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views