Joe Biden, da nuovo presidente degli Sati Uniti d'America, aveva riportato i cani alla Casa Bianca. Il presidente democratico, infatti, ne ha ben due che ha portato con sé e sua moglie in occasione del trasferimento. Per Joe e Jill Biden però, i guai con i due animali sono iniziati ben presto: la coppia ha infatti dovuto rispedire i due pastori tedeschi Major e Champ nella propria abitazione in Delaware. Uno dei cani avrebbe morso un addetto alla sicurezza della residenza presidenziale. Il dipendente non ha riportato gravi danni, ma l'episodio sarebbe stato talmente spaventoso da far pensare a un allontanamento dei due animali dalla residenza.

Major, il pastore tedesco di 3 anni adottato dai Biden nel 2018, avrebbe morso l'addetto alla sicurezza dopo una serie di comportamenti aggressivi nei confronti del personale della Casa Bianca. Proprio la dimora istituzionale sembra mettergli pressione: è dal suo arrivo nella struttura che manifesta atteggiamenti aggressivi, abbaiando e ringhiando spesso contro membri dello staff e della sicurezza. Più volte il cane era saltato addosso a diversi dipendenti, spaventati dall'azione dell'animale e dai precedenti atteggiamenti aggressivi che facevano presagire il peggio.

A riportare per prima l'accaduto è stata la Cnn, che non ha però diffuso le generalità del membro dello staff aggredito dal pastore tedesco. Il cane, però, non avrebbe ben digerito il trasferimento nella Casa Bianca, molto più frenetica dell'abitazione in Delaware. Non sopporterebbe gli uomini in divisa, lo farebbero sentire minacciato e soprattutto è molto innervosito dal rumore continuo degli elicotteri. Di indole più tranquilla l'altro cane, Champ, più anziano di Major e da sempre molto mansueto. Il cane non avrebbe mai causato problemi e si sarebbe facilmente adattato, invece, alla vita alla Casa Bianca.