682 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
9 Dicembre 2022
15:58

Guerra in Ucraina, Putin: “Alla fine si dovrà raggiungere un accordo, noi siamo pronti”

Il presidente russo: “Alla fine si dovrà raggiungere un accordo. Ho detto più volte che siamo pronti per questi accordi, siamo aperti, ma ci fa riflettere il fatto di pensare con chi abbiamo a che fare”.
A cura di Davide Falcioni
682 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Vladimir Putin torna a parlare di un possibile negoziato per porre fine alla guerra in Ucraina. "Alla fine si dovrà raggiungere un accordo. Ho detto più volte che siamo pronti per questi accordi, siamo aperti, ma ci fa riflettere il fatto di pensare con chi abbiamo a che fare", ha detto il presidente russo parlando del conflitto in corso, entrato ormai abbondantemente nel nono mese.

Il leader di Mosca ha ammesso che "persistono problemi logistici" nell'operazione militare in Ucraina che sono "lontani dall'essere risolti". Putin ha aggiunto che in ogni caso "i problemi più acuti" sono stati risolti. Secondo quanto riferito dal Guardian, nella conferenza stampa di oggi il russo ha fatto riferimento in particolare alla fornitura di attrezzature e vestiti ai 300.000 uomini arruolati per combattere in Ucraina negli ultimi mesi, ammettendo le difficoltà e aggiungendo che alcuni di questi problemi si stanno ora attenuando. Putin ha dunque avvertito che qualsiasi Paese che attaccherà la Russia con armi nucleari sarà "cancellato dalla faccia della terra".

Putin: "Il potenziale di conflitto nel mondo aumenta a causa dell'Occidente"

In precedenza il capo del Cremlino aveva accusato la Nato di voler mantenere il suo dominio con qualsiasi mezzo, anche al distruggendo l'architettura di stabilità strategica che si era creata per decenni. "La natura e la portata delle minacce moderne impongono crescenti esigenze alla nostra interazione nei dipartimenti della difesa". "Il potenziale di conflitto nel mondo aumenta, e questa è una conseguenza diretta dei tentativi di alcune élite occidentali di mantenere il loro dominio politico, economico, finanziario, militare e ideologico con qualsiasi mezzo. Moltiplicano consapevolmente il caos e aggravano la situazione internazionale", ha affermato Putin.

"Il popolo ucraino è carne da macello dell'Occidente"

Il leader russo ha quindi aggiunto: "Vediamo le gravi conseguenze di tali azioni oggi in Ucraina. Per un certo numero di anni, l'Occidente ha spudoratamente sottratto e sfruttato le sue risorse, ha incoraggiato il genocidio e il terrore nel Donbass, ha effettivamente trasformato questo Paese in una colonia e ora usa cinicamente il popolo ucraino come carne da macello, come ariete contro la Russia, continuando a fornire all'Ucraina armi e munizioni, inviando mercenari, la sta spingendo su un percorso suicida", sono le parole del leader del Cremlino.

Donetsk  al centro degli attacchi russi

Nel frattempo in Ucraina si continua a combattere e a morire: la regione orientale di Donetsk rimane al centro degli attacchi russi, in particolare Avdiivka e Bakhmut. Lo ha dichiarato un portavoce delle forze armate ucraine, citato dalla Cnn. A Bakhmut, la situazione è "difficile ma controllata", ha detto l'addetto stampa Serhii Cherevatyi della divisione orientale dell'esercito ucraino. Il capo dell'amministrazione militare regionale di Donetsk, Pavlo Kyrylenko, ha dichiarato che mercoledì cinque persone sono state uccise nella regione.

682 CONDIVISIONI
3321 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni