48 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

Guerra a Gaza, Israele ammette: “Abbiamo ucciso tre ostaggi per errore”. Proteste a Tel Aviv

Cresce la protesta a Tel Aviv dopo che Israele ha riferito di aver ucciso per errore tre ostaggi durante i combattimenti nella Striscia di Gaza. Netanyahu: “Chino il capo con profondo dolore e piango la caduta di tre dei nostri cari figli che sono stati rapiti”.
A cura di Susanna Picone
48 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Israele ammette: tre ostaggi di Hamas sono stati uccisi per errore a Gaza. A darne notizia oggi è stato il portavoce delle Forze armate. Gli ostaggi sono stati identificati: si tratta di Yotam Haim, rapito dal kibbutz Kfar Aza; Samer Talalka, rapito dal kibbutz Nir Am; e un altro ostaggio maschio la cui famiglia ha chiesto di non pubblicare il nome.

Il portavoce dell'IDF, Jonathan Conricus, ha detto alla BBC che l'uccisione dei tre israeliani è adesso oggetto di indagine. E alla domanda sull'errata identificazione che ha portato a quanto accaduto ha fornito due ragioni: "Primo, erano vestiti con abiti civili, probabilmente simili a quelli che abbiamo visto sui combattenti di Hamas", ha spiegato senza chiarire se gli ostaggi avessero delle armi. "La seconda è che prima e dopo questo tragico errore, ci sono stati scontri nella zona tra le truppe israeliane e i combattenti di Hamas". Il sospetto sulla vera identità degli uccisi sarebbe arrivato quasi subito: i corpi sono stati portati in Israele e lì identificati.

Il messaggio del premier Netanyahu

"Insieme all'intero popolo di Israele, chino il capo con profondo dolore e piango la caduta di tre dei nostri cari figli che sono stati rapiti, tra cui Yotam Chaim e Samer Fouad al-Talalka. È una tragedia insopportabile. L'intero Stato d'Israele piangerà questa sera. Il mio cuore va alle famiglie in lutto nel loro momento difficile. Rafforzo i nostri coraggiosi guerrieri che intraprendono la sacra missione di restituire i nostri rapiti, anche a costo della loro vita. Anche in questa serata difficile, fasceremo le nostre ferite, impareremo la lezione e continueremo con uno sforzo supremo per riportare a casa sani e salvi tutti i nostri rapiti", le parole in serata del premier Benjamin Netanyahu.

Folla in strada a Tel Aviv

Immagine

Ma intanto è alta la tensione in Israele: secondo Harretz, la notizia dell’uccisione dei tre ostaggi a Gaza sta creando disordini. Secondo la fonte, decine di persone stanno manifestando in queste ore davanti al quartier generale militare di Tel Aviv. I manifestanti sventolano cartelli con i nomi e le foto di altri ostaggi e chiedono il loro rilascio immediato.

Alcune persone avrebbero raggiunto l'incrocio della via Kaplan, una delle principali arterie della città, bloccando la strada. I manifestanti chiedono un accordo immediato per il ritorno a casa degli ostaggi tenuti nella Striscia. "Il loro tempo sta per scadere! Portateli a casa adesso!", scandisce la folla.

L'annuncio dell'Idf è arrivato a poche ore di distanza dalla notizia del recupero dei corpi di altri tre ostaggi morti a Gaza. I corpi dei tre israeliani recuperati sono di un civile e di due soldati, anche loro ostaggi dal 7 ottobre. Il primo si chiamava Elya Toledano, franco-israeliano di 28 anni catturato dai miliziani al festival di Reim insieme con la fidanzata, liberata il mese scorso durante la tregua. Gli altri due sono Nik Beizer e Ron Sherman (anche con cittadinanza argentina), entrambi 19enni. Secondo le stime dei media ora sarebbero meno di 130 gli ostaggi rimasti in prigionia.

48 CONDIVISIONI
853 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views