614 CONDIVISIONI
Covid 19
31 Gennaio 2021
11:04

Florida, spegne il frigorifero per errore: distrutte oltre 1.100 dosi di vaccino anti-Covid Pfizer

Oltre 1.100 dosi di vaccino anti-Covid prodotto dalla Pfizer sono state distrutte in Florida. L’incidente causato da un “errore umano”: un operatore sanitario avrebbe spento il frigorifero in cui erano conservate le fiale. I funzionari della contea di Palm Beach sostengono che l’incidente non ha avuto alcun impatto sulla sicurezza dei pazienti.
A cura di Susanna Picone
614 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Un migliaio di dosi di vaccino anti-Covid distrutte. È accaduto in Florida, dove sarebbero con precisione 1.160 le dosi di siero della Pfizer ormai inutilizzabili. Secondo quanto riportato dai media locali, un operatore sanitario avrebbe spento il frigorifero per errore e questo ha “rovinato” le fiale di vaccino. Alcuni dipendenti del distretto sanitario della contea di Palm Beach hanno scoperto l'errore venerdì mattina durante un controllo. Una indagine è in corso perché al momento non è chiaro come l’operatore sia riuscito a interrompere l'alimentazione del frigorifero, che si trovava all'interno di un veicolo mobile. Il vaccino Pfizer deve essere conservato a una temperatura di -70 gradi Fahrenheit ma può essere trasferito in un normale frigorifero cinque giorni prima della somministrazione. Se lasciati più a lungo, o esposti a temperature più calde, diventa inefficace.

Secondo i funzionari della contea di Palm Beach si è trattato di “un singolo incidente isolato causato da errore umano” e hanno insistito sul fatto che “non ha avuto alcun impatto sulla sicurezza dei pazienti”. Dopo l’accaduto, i funzionari hanno trasferito "tutte le forniture di vaccini in un luogo sicuro con il backup del generatore di corrente 24 ore su 24, 7 giorni su 7”. La contea afferma che i vaccini danneggiati – 232 fiale per circa 1.160 dosi – sono stati distrutti per ragioni di sicurezza. Il CEO di Pfizer Albert Bourla ha fatto sapere che la sua azienda sta cercando di accelerare i tempi di produzione e sviluppo del vaccino, portandoli a meno di 100 giorni. Durante un intervento al Forum economico mondiale di Davos, Bourla ha affermato di ritenere che c’è “un’alta possibilità” che i vaccini Covid possano, un giorno, diventare inefficaci. “È probabile che un giorno ciò accada”, ha sottolineato.

614 CONDIVISIONI
31016 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni