374 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
5 Maggio 2022
09:12

Elicottero militare russo viola spazio aereo della Finlandia, seconda volta da inizio guerra

L’episodio mentre la Finlandia ha annunciato l’avvio delle discussioni sul suo ingresso nella Nato. La premier finlandese ha chiesto garanzie di sicurezza e un iter “il più rapido possibile”.
A cura di Antonio Palma
374 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Un elicottero dell'esercito russo ha violato lo spazio aereo della Finlandia entrando nel territorio del Paese confinante per alcuni chilometri prima di invertire la rotta e tornare indietro. Fortunatamente non ci sono stati incidenti ma l’episodio, avvenuto nella giornata di mercoledì, si innesta su una situazione di tensione sempre crescente tra i due Paesi dopo che la Finlandia ha annunciato l’avvio delle discussioni sul suo ingresso nella Nato. Ad annunciare lo sconfinamento non autorizzato è stato lo stesso governo di Helsinki. L’elicottero che ha violato lo spazio aereo della Finlandia è stato identificato come un velivolo dell’esercito russo Mi-17, un elicottero di progettazione sovietica usato ancora oggi largamente come trasporto truppe e ricognizione.

"Il tipo di velivolo è un elicottero Mi-17 e la profondità della violazione è stata di circa quattro o cinque chilometri", ha spiegato un portavoce del ministero della difesa finlandese. Visto il breve tratto, forse potrebbe trattarsi di uno sconfinamento fortuito anche perché i due Paesi condividono una lunghissima frontiera ma si tratta già del secondo caso dall’inizio della guerra in Ucraina. Il primo caso risale all’8 aprile scorso quando un aereo da trasporto appartenente all'esercito russo è entrato brevemente nello spazio aereo finlandese con truppe a bordo. L’episodio inoltre avviene a pochi giorni da un altro sconfinamento russo più a sud , in Svezia, dove una altro velivolo militare da ricognizione è entrato sui cieli della Svezia nei pressi dell'isola di Bornholm, un'isola danese a circa 37 km al largo della costa sud svedese dove sorge una base navale. Quattro caccia russi avevano già violato lo spazio aereo svedese all'inizio di marzo vicino all'isola di Gotland, sempre nel Mar Baltico.

Azioni che, secondo gli esperti, potrebbero essere anche avvertimenti a Finlandia e Svezia che sono sempre più propense all’adesione Nato che la Russia non vuole per nessuna ragione. I due Paesi però al momento non sembrano essere affatto intimiditi. Il primo ministro finlandese Sanna Marin ieri ha detto che la decisione del suo governo sulla Nato sarà presa "abbastanza presto" e potrebbe arrivare entro pochi giorni, secondo i media finlandesi. Intanto il ministro degli Esteri svedese ha dichiarato di aver ricevuto "assicurazioni" dal segretario di Stato americano, Antony Blinken, sul sostegno degli Usa a Stoccolma nel caso il Paese scandinavo decida di rompere la sua tradizione di neutralità e si candidi a entrare nella Nato. Anche la premier finlandese, Sanna Marin, ha chiesto garanzie di sicurezza e un iter "il più rapido possibile" qualora Helsinki chieda l'ingresso nell'Alleanza atlantica.

374 CONDIVISIONI
2589 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni