video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Drone si schianta a 70 km da Mosca, i russi: “É di Kiev, sulle ali uno slogan pro-Ucraina”

I resti di un drone sarebbero stati trovati a Svitino, a 70 km da Mosca. Secondo quanto riportato dai media russi, si tratterebbe di un “drone ucraino” con i colori della bandiera e lo slogan “gloria all’Ucraina”
A cura di Gabriella Mazzeo
12 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Secondo i media russi, un drone si sarebbe schiantato a 70 km da Mosca. Secondo quanto riportato, il drone era dipinto di giallo e blu e sulle ali aveva la scritta "Gloria all'Ucraina". Le foto del resti sono state diffuse sui social network e secondo la Tass, il drone sarebbe stato individuato nei pressi della ferrovia del villaggio di Svitino. Lo schianto avrebbe provocato il ferimento di 3 persone, ma nessun'altra vittima. I resti sono attualmente oggetto di indagine da parte di una squadra investigativa.

Su Telegram, viene riferito che i resti del velivolo sono stati ritrovati da un residente locale. Il drone sarebbe fatto di legno e schiuma polimerica e sarebbe stato assemblato in modo artigianale. L'apertura alare è di circa 2 metri e sulle ali è riportato lo slogan pro-Ucraina. Una provocazione, insomma, secondo quanto si riferiscono i media di stampa russi.

Il tutto avviene dopo le dichiarazioni del Cremlino sul rifornimento di tank all'Ucraina. Mosca, infatti, ha puntato il dito contro la Germania, asserendo che il suo impegno nei garantire a Kiev 18 carri armati Leopard sia "un coinvolgimento diretto e indiretto" nel conflitto armato. Su Twitter, il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha confermato l'invio dei carri armati, asserendo che i tank avrebbero "fatto la differenza" nel conflitto. "Abbiamo fornito all'Ucraina 4 carri armati in più rispetto a quanto originariamente promesso. Potete contare su di noi".

Nei giorni scorsi, Vladimir Putin aveva anche annunciato il dispiegamento di armi nucleari tattiche in Bielorussia, sottolineando inoltre di avere i mezzi per rispondere al rifornimento dall'Occidente di armi all'uranio impoverito. "Sappiamo come rispondere" aveva sottolineato Putin proprio nei giorni di confronto con il leader cinese Xi Jinping, arrivato a Mosca per incontrare l'omologo russo.

12 CONDIVISIONI
4346 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views