28 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Cosa ha detto Putin dopo la ribellione del capo della Wagner Prigozhin e cosa succede ora in Ucraina

“Farò di tutto per fermare l’insurrezione” in corso: il discorso di Putin in cui commenta la situazione che si è creata con la ribellione del capo dei mercenari Wagner, i cui uomini hanno occupato Rostov, dove si trova il quartier generale del Distretto militare meridionale e della cosiddetta “operazione militare speciale” in Ucraina.
A cura di Susanna Picone
28 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Il discorso alla nazione del presidente russo Vladimir Putin dopo la rivolta annunciata dal capo della Wagner, Yevgeny Prigozhin, era stato annunciato ed è arrivato nella mattinata di sabato. Pur senza nominare direttamente Prigozhin, Putin si è rivolto a quanti “con inganno e minacce sono stati coinvolti nell'avventura criminale della rivolta armata” e ha detto che la “reazione sarà dura”.

Come fatto già dai vertici militari russi, Vladimir Putin si è rivolto direttamente ai mercenari di Wagner chiedendo loro di "mettere fine alla loro partecipazione a queste azioni militari". "Tutti coloro che hanno scelto la via del tradimento saranno puniti e saranno ritenuti responsabili. Le forze armate hanno ricevuto gli ordini necessari”, le parole del presidente alla nazione.

"Come presidente della Russia, Comandante supremo delle forze armate e cittadino della Russia, farò di tutto per fermare l'insurrezione" armata in corso: ha detto nel suo discorso Putin commentando la situazione che si è creata con la ribellione del capo dei mercenari Wagner, i cui uomini hanno occupato Rostov, dove si trova il quartier generale del Distretto militare meridionale e della cosiddetta "operazione militare speciale" in Ucraina.

"Vi invito a fermare le vostre azioni criminali", ha detto ancora. Putin ha parlato di una “pugnalata alle spalle” per le persone che combattono sul fronte. "Le azioni che hanno diviso la nostra unità sono, infatti, il rinnegamento del nostro popolo, dei nostri compagni d'armi che ora stanno combattendo al fronte, questa è una pugnalata alle spalle per il nostro Paese e il nostro popolo”.

“Difenderemo il nostro popolo e il nostro Stato da qualsiasi tradimento”, ha detto ancora Putin. "Adesso si decide il destino del nostro popolo", ha aggiunto. Ha riconosciuto quindi che a Rostov c’è “una situazione difficile”: questa mattina Prigozhin ha rivendicato in un video di aver preso il controllo di tutti gli obiettivi militari della città, compreso l'aeroporto. "Saranno adottate azioni ferme per stabilizzare la situazione a Rostov sul Don. La situazione resta difficile", le parole di Putin.

Il commento dall'Ucraina su quanto sta succedendo in Russia arriva da Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, secondo cui "è solo l'inizio". "Quanto sta accadendo in Russia è solo l'inizio", il tweet di Podolyak in riferimento ai mercenari della Wagner entrati in territorio russo, 16 mesi dopo l'invasione dell'Ucraina. "La divisione tra le élite è troppo evidente. Accettare e fingere che tutto sarà sistemato non funzionerà".

28 CONDIVISIONI
4276 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views