Una mappa mandata in onda dalla Cnn sui contagi del coronavirus nel Mondo indica l'Italia come principale responsabile e centro del focolaio dell'infezione. Nell'immagine si vedono che dallo Stivale partono una serie di frecce dirette in tutti i Paesi nei quali è arrivato il virus. Ma nell'immagine non si fa alcun riferimento alla Cina, Paese da cui è partita l'epidemia.

"Coronavirus cases linked to Italy", è il titolo comparso in sovraimpressione e riproposto sui social con messaggi indignati, che attaccano l'emittente statunitense. E sui social sono scoppiate le polemiche. "Buongiorno Italia e grandi applausi alla CNN per la visione distorta del coronavirus", scrive una giornalista.

"Grave la propaganda della CNN che danneggia l'Italia riportando una fake news. Un attacco alla nostra immagine e alla nostra economia", ha twittato il M5s, pretendendo le scuse dall'emittente.

I casi di coronavirus nel Mondo in questo momento sono più di 96mila, (più di 80mila in Cina5.700 in Corea del Sud2.300 in Iran e oltre 3mila in Europa). I morti superano i 3.300 (di questi 3mila solo in Cina, seguita da Iran e Italia. Negli Usa è stato dichiarato lo stato di emergenza in California, Florida e Washington, mentre in Germania il ministro della Salute ha parlato per la prima volta di pandemia globale. Ma il problema per la Cnn continua a essere soltanto l'Italia.

L'infografica non è l'unico tentativo di screditare il nostro Paese: l'immagine dell'Italia è stata messa a dura prova per via di uno spot trasmesso nei giorni scorsi dalla tv francese Canal+. Nella pubblicità si ironizzava sull'emergenza coronavirus Covid-19 in Italia: nel video si vede infatti un pizzaiolo tossire e sputare su una pizza un liquido verde. Lo spot di cattivo gusto è stato poi rimosso.

La replica di Luigi Di Maio

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha preso posizione pubblicamente su Facebook per rispondere alla Cnn: "La CNN mostra una cartina in cui sembra che l’Italia sia l'origine del focolaio del Coronavirus. Questa è una visione distorta della realtà. Il punto però non è la CNN, questo è solo un esempio, perché sono anche altri i media internazionali che stanno dipingendo l'Italia in modo sbagliato. Mi chiedo quale sia l'intento. Discriminare un Paese che ha una sanità pubblica e che sta gestendo al meglio, nonostante decenni di tagli, una situazione complessa ed emergenziale in alcune zone?".
E ancora: "La disinformazione di alcune testate fa a pugni non con delle opinioni, ma con i dati numerici: l'Italia è la nazione che sta gestendo con più rigore questa emergenza, che, come sappiamo, si è sviluppata in Cina. Noi crediamo che controllare la salute delle persone facendo più tamponi sia serio. Crediamo che prendere misure restrittive per proteggere la salute dei nostri cittadini sia sacrosanto. Crediamo anche che la caccia agli untori sia una cosa da lasciare al Medioevo".
"Andiamo avanti – ha aggiunto il titolare della Farnesina – con rigore e lavoriamo h24 per portare il nostro Paese, appena possibile, alla normalità. Tutti sono invitati a collaborare per questo obiettivo, in tutto il mondo: politici, istituzioni e mass media".