1.616 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
5 Giugno 2022
10:13

Contrattacco dell’Ucraina contro i russi a Severodonetsk: gli esperti parlano di culmination point

Secondo fonti dell’Intelligence inglese e non solo, le forze ucraine hanno iniziato il contrattacco nella zona di Severodonetsk, dove i russi sembravano essere in vantaggio. Per le forze di Mosca alcuni esperti parlano di culmination point, cioè limite delle proprie capacità.
A cura di Ida Artiaco
1.616 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Continuano i combattimenti tra russi e ucraini in Donbass, la regione a Est dell'Ucraina, al momento obiettivo principale della guerra voluta da Mosca. Ma, secondo quanto riferito dall'Intelligence britannica e confermato dalle autorità di Kiev, le cose pare stiano cominciano a complicarsi per la Russia. Le forze ucraine, infatti, sono passate al contrattacco nelle ultime 24 ore nella città contesa di Severodonetsk, come ha scritto il Ministero della Difesa inglese nel suo ultimo rapporto.

Il dossier, pubblicato oggi dal Ministero della Difesa su Twitter, sottolinea che l'iniziativa di Kiev probabilmente ha attenuato lo slancio operativo che le truppe russe avevano acquisito in precedenza, concentrando nella città unità di combattimento e potenza di fuoco. Mosca ha schierato in questa zona anche uomini provenienti dalle riserve delle forze separatiste dell'autoproclamata repubblica di Lugansk. Truppe queste, spiega il rapporto, che sono male addestrate e soffrono di una mancanza di equipaggiamenti pesanti rispetto alle unità russe. L'utilizzo di queste forze per procura per operazioni in centri urbani, conclude l'Intelligence, rappresenta una tattica russa già vista in Siria, dove Mosca schierò il Quinto corpo d'assalto (formato da volontari) dell'esercito siriano per conquistare aree urbane: questo approccio, è il parere di Londra, probabilmente riflette il desiderio di limitare le perdite tra le file dell'esercito regolare.

Anche il governatore della regione di Luhansk, Serhiy Gaidai, alla televisione ucraina ha detto che Severodonetsk è divisa in due. Le forze ucraine negli ultimi due giorni hanno riguadagnato terreno, dopo aver ceduto fino al 70 per cento del territorio della città ai russi. Anche secondo l'ultimo aggiornamento del think tank Usa American Institute for War Studies (Isw), l'esercito russo ha concentrato tutte le sue risorse in quest'area, ma finora ha ottenuto solo modesti risultati. L'esercito ucraino sta conducendo contrattacchi localizzati anche a nord di Kherson.

C'è, dunque, una situazione di stallo, anche se le forze ucraine stanno riprendendo terreno. Alcuni esperti, tra cui l'americano Trent Telenko, hanno parlato nelle scorse ore di culmination point per l'esercito di Mosca, cioè di raggiungimento del limite delle proprie capacità. Per cui presto dovranno sospendere l'offensiva: se gli ucraini hanno riconquistato parti di Severodonetsk dove Mosca schierava 25 battaglioni tattici, allora tutto il Paese è a portata di mano. Ma per Kiev è ancora presto per cantare vittoria. "La situazione a Severodonetsk, dove continuano i combattimenti nelle strade, rimane estremamente difficile", ha detto nel suo ultimo videomessaggio condiviso sui social il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, deplorando "i raid aerei, l'artiglieria ed i costanti lanci di missili".

1.616 CONDIVISIONI
2689 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni