14 Gennaio 2022
12:09

Chi sono i Guardiani del Giuramento, la milizia armata che ha organizzato l’assalto a Capitol Hill

I membri della milizia di estrema destra e pro Trump Oath Keepers accusati di Cospirazione per rovesciare il potere costituito durante l’assalto a Capitol Hill.
A cura di Antonio Palma

Non un assalto improvviso sull’onda della protesta di piazza ma una vera e propria Cospirazione per rovesciare il potere costituito e le istituzioni democratiche degli Stati Uniti, è la pesantissima accusa di cui devono rispondere più di una dozzina di membri e associati degli Oath Keepers, gli autoproclamati “Custodi del giuramento”, una vera e propria milizia armata ritenuta tra i principali artefici dell'invasione del Parlamento Usa a Washington. Dall’inizio delle indagini sull’assalto al Campidoglio è la prima volta che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha presentato un'accusa di cospirazione per i partecipanti all’attacco e vede al centro proprio il gruppo di estrema destra Oath Keepers, autoproclamati custodi della Costituzione .

Chi sono gli Oath Keepers, milizia di estrema destra

Gli Oath Keepers sono una milizia antigovernativa americana di estrema destra i cui membri affermano di difendere la Costituzione degli Stati Uniti e incoraggiano a disobbedire all’attuale Presidente che ritengono violerebbe la Costituzione degli Stati Uniti. Tra i membri molti sono ex agenti di polizia dei servizi di sicurezza in genere o militari attuali ed ex. Per gli inquirenti il gruppo aveva concordato, pianificato e messo in atto nei minimi dettagli il sanguinoso assalto a Capitol Hill nel gennaio dello scorso anno con l'intento di fermare la ratificazione della vittoria elettorale del presidente Joe Biden contro Donald Trump di cui sono ferrei sostenitori. Per ordine del giudice ieri è stato arrestato il leader e fondatore del gruppo, Stewart Rhodes, insieme ad altri dieci membri della milizia, ma altri sono già indagati. Per tutti loro l’accusa è di aver tentato di rovesciare e distruggere con la forza il governo legittimo degli Stati Uniti. Rhodes, che aveva aizzato la folla ma non è entrato in Campidoglio il 6 gennaio, è accusato di aver contribuito a mettere in moto le violenze che hanno interrotto la ratificazione del voto.

Armi pronte per l'assalto a Capitol Hill

Secondo gli inquirenti, la rivolta era stata organizzata dagli stessi Oath Keepers almeno dal dicembre 2020 quando il loro leader Rhodes ha utilizzato comunicazioni crittografate per pianificare il viaggio nella capitale per il 6 gennaio successivo. Per i pubblici ministeri, lui e gli altri componenti della milizia avevano pianificato di portare armi nell'area per aiutare a sostenere l'operazione. Secondo il Dipartimento di Giustizia Usa, l’operazione aveva ruoli e capi ben precisi e mentre alcuni membri e affiliati di Oath Keepers assalivano l'edificio del Campidoglio alla testa di migliaia di sostenitori di Trump, i leader della milizia avevano organizzato il loro quartiere venerale appena fuori dalla città per gestire l’assalto. Qui, secondo l'accusa, il gruppo aveva preparato squadre pronte trasportare rapidamente armi da fuoco in città a sostegno delle operazioni.

Assalto di Capitol Hill, media USA:
Assalto di Capitol Hill, media USA: "Trump approvò l'idea di impiccare il suo vice Mike Pence"
Assalto al Campidoglio: Trump accusato di tentato colpo di stato
Assalto al Campidoglio: Trump accusato di tentato colpo di stato
Suprematisti anti gay mascherati e con mazze volevano scatenare il panico al Pride: 31 arresti in Usa
Suprematisti anti gay mascherati e con mazze volevano scatenare il panico al Pride: 31 arresti in Usa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni