208 CONDIVISIONI
24 Agosto 2012
10:31

Breivik, il killer di Utøya è sano di mente: condannato a 21 anni di carcere

Il killer di Oslo dovrà scontare una pena di 21 anni di prigione. Il tribunale di Oslo ha giudicato Breivik come un uomo sano di mente.
A cura di Daniela Caruso
208 CONDIVISIONI
Si conclude oggi il processo allo stragista di Oslo e Utoya: la difesa dell’imputato chiederà l’assoluzione o il riconoscimento della sanità mentale del killer, come da lui auspicato. L’accusa ha invece chiesto l’internamento in ospedale.

Anders Breivik, il killer di Oslo e Utøya che, è stato condannato a 21 anni di carcere. La sentenza è arrivata alle 10 di questa mattina ed è stata emanata dal giudice Wenche Elisabeth Arntzen. L'uomo è stato considerato un soggetto sano di mente, quindi ha operato nel pieno della lucidità mentale quando, poco più di un anno fa, organizzò le stragi di Oslo e Utøya, che costarono la vita a 77 persone. Breivik aveva detto che in caso fosse stato riconosciuto sano di mente, non avrebbe fatto ricorso. Se fosse stato dichiarato "schizofrenico paranoide", come chiedeva la procura, sarebbe stato internato a vita.

Il tribunale di Oslo ha giudicato Breivik sano di mente: il 33enne ha accolto la sentenza con serenità e con un sorriso stampato sul viso. L'uomo aveva sottolineato che avrebbe fatto ricorso in appello, solo se fosse stato dichiarato infermo mentalmente. La condanna affibbiata a Breivik rappresenta la sentenza massima permessa dalla legge norvegese.

208 CONDIVISIONI
Foggia, Nicola ucciso a 21 anni in un parco, il killer è un 17enne:
Foggia, Nicola ucciso a 21 anni in un parco, il killer è un 17enne: "Voleva che rubassi per lui"
Condannato per 11 omicidi, serial killer confessa di aver ucciso altre cinque donne
Condannato per 11 omicidi, serial killer confessa di aver ucciso altre cinque donne
Predicatore televisivo condannato a 8mila anni di carcere: è successo in Turchia
Predicatore televisivo condannato a 8mila anni di carcere: è successo in Turchia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni