760 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
24 Maggio 2022
10:17

Boris Bondarev, l’unico diplomatico russo che si è dimesso per protestare contro la guerra di Putin

Boris Bondarev è il primo diplomatico russo a prendere apertamente le distanze dall’invasione dell’Ucraina. Con una lettera ha spiegato perché si è dimesso dall’incarico di consigliere della missione russa alle Nazioni Unite a Ginevra: “Non mi sono mai vergognato così tanto del mio Paese”.
A cura di Ida Artiaco
760 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"Non mi sono mai vergognato così tanto del mio Paese. La guerra aggressiva scatenata da Putin contro l'Ucraina, e di fatto contro l'intero mondo occidentale, non è solo un crimine contro il popolo ucraino, ma anche il crimine forse più grave contro il popolo russo". Sta facendo il giro del mondo la lettera con la quale Boris Bondarev, 41 anni, ha annunciato le dimissioni dall'incarico di consigliere della missione russa alle Nazioni Unite a Ginevra, che ricopriva dal 2019. È il primo diplomatico russo a prendere apertamente le distanze dall'invasione dell'Ucraina, che Mosca ha cominciato il 24 febbraio scorso.

Il motivo delle dimissioni, ha chiarito il diplomatico, che negli anni passati ha prestato servizio in sedi difficili come Mongolia e Cambogia per poi approdare a Ginevra, "è che disapprovo profondamente quello che il mio governo sta facendo e ha fatto da febbraio, e non voglio più essere associato" alle sue azioni. Ma questa posizione, ha poi ammesso alla Bbc, al momento resta minoritaria. "Penso che la maggior parte delle persone segua la propaganda e quello che i superiori dicono loro. Quando lavori al ministero lavori all'interno di una gerarchia, quindi devi obbedire a quello che ti dicono i superiori. E per molti anni – ha detto – qualsiasi approccio critico è stato cancellato". Bondarev ha anche aggiunto di essere già considerato un traditore.

Ancora, scrive Bondarev: "Coloro che hanno concepito questa guerra vogliono solo una cosa: rimanere al potere per sempre, vivere in palazzi pomposi, navigare su yacht paragonabili per dimensioni e costi all'intera Marina russa, godendo di potenza illimitata e completa impunità. Per raggiungere questo obiettivo sono disposti a sacrificare tutte le vite necessarie. Migliaia di russi e ucraini sono già morti proprio per questo".

Poi, l'affondo contro le autorità: "Mi dispiace ammettere che in tutti questi vent'anni il livello di bugie e mancanza di professionalità nel lavoro del ministero degli Esteri è cresciuto continuamente. Il ministro Lavrov è un buon esempio del degrado di questo sistema. In 18 anni è passato da intellettuale professionale e colto, che molti dei miei colleghi stimavano profondamente, a persona che rilascia costantemente dichiarazioni contrastanti e minaccia il mondo (cioè anche la Russia) con armi nucleari". Questo perché, ha concluso, "il ministero degli Esteri non si occupa di diplomazia. Serve gli interessi di pochissime persone, contribuendo così all'ulteriore isolamento e al degrado del mio Paese. La Russia non ha più alleati e non c'è nessuno da incolpare se non la sua politica sconsiderata e mal concepita. Ho studiato per diventare diplomatico e sono diplomatico da vent'anni. Il ministero è diventato la mia casa e la mia famiglia. Ma semplicemente non posso più condividere questa ignominia sanguinosa, insensata e assolutamente inutile".

760 CONDIVISIONI
2594 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni