510 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
10 Marzo 2022
07:25

Bombe russe a Sumy, colpiti case e gasdotto, morti donne e minori: cosa è successo stanotte in Ucraina

Bombardamenti notturni sulla città nord-orientale di Okhtyrka, nella regione di Sumy con morti e feriti tra civili. Raid aerei anche nei sobborghi di Kiev, colpita centrale elettrica.
A cura di Antonio Palma
510 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Ancora bombardamenti russi sull'Ucraina anche questa notte dove purtroppo i combattimenti sono proseguiti continuando a fare vittime tra i civili. Una delle zone più colpite dai raid russi nelle scorse ore è la regione di Sumy, nell'estremo est dell'Ucraina e nel pieno di una della direttrici dell'offensiva russa. Secondo fonti ucraine, un ragazzo di 13 anni e due donne sarebbero rimasti uccisi nei bombardamenti notturni sulla città nord-orientale di Okhtyrka dove ora si stanno concentrano i combattimenti. Stando ai resoconti delle autorità locali, si è trattato di un bombardamento aereo avvenuto poco dopo la mezzanotte tra mercoledì e giovedì. "L'aviazione nemica ha colpito le case. Cinque persone sono state salvate, due delle quali bambini. Le bombe hanno anche parzialmente distrutto il dipartimento di polizia", ha detto il capo dell'amministrazione statale regionale di Sumy, Dmytro Zhyvytsky, citando un rapporto dell'amministrazione militare regionale di Sumy.

Bombardamenti a Okhtyrka

"L'artiglieria nemica ha sparato contro l'ex stabilimento di Electrobutprilad. Come risultato il bombardamento ha ucciso tre abitanti del villaggio, incluso un ragazzino", ha detto Zhyvytsky, aggiungendo che "Le linee elettriche sono state distrutte. Un ragazzo di 13 anni e 2 donne sono stati uccisi a causa dal bombardamento". Si spera che nelle prossime ore vengano attuati i corridoi umanitari promessi dai russi per evacuare i civili.  Mercoledì circa 5.000 persone sono state evacuate da Sumy, la capitale regionale che da giorni è sotto il pesante bombardamento russo, e nuovi corridoi dovrebbero aprire oggi dalle 9 ora locale.

Si combatte a Kiev, colpita centrale elettrica

Si è combattuto anche attorno a Kiev durante la notte dove l'esercito ucraino ha tentato vari contrattacchi per impedire l'accerchiamento della capitale come ha spiegato Vadim Denisenko, consigliere del ministro degli interni dell'Ucraina. "Abbiamo messo fuori combattimento cinque carri armati. Al mattino, vicino a Kiev, nella periferia occidentale, si sono sentiti attacchi di artiglieria. I combattimenti sono in corso ora" ha spiegato. L'esercito ucraino ha affermato che i suoi principali sforzi sono ora concentrati a impedire il progresso dell'avanzata russa da sud-est. Secondo media locali, i raid aerei russi hanno colpito anche ospedali ed una centrale elettrica nella città di Zhytomyr, a ovest di Kiev. Non si hanno indicazioni di vittime.

Da Usa blocco a petrolio russo e 13,6 miliardi all'Ucraina

Nelle scorse ore via libera della Camera Usa al blocco di petrolio, gas e carbone russo e ok a 13,6 miliardi di dollari di aiuti all'Ucraina. Circa 6,5 ​​miliardi di questo importo sono stati assegnati al Pentagono per l'assistenza militare all'Ucraina e il resto ad altri dipartimenti per l'assistenza umanitaria ed economica.  Intanto è botta e risposta tra Usa e Mosca sul presunto uso di armi chimiche in Ucraina. Secondo gli Stati Uniti, il Cremlino sta diffondendo intenzionalmente menzogne false notizie sul fatto che gli Stati Uniti e l'Ucraina stiano conducendo attività per la preparazione di armi chimiche e biologiche da utilizzare contro la Russia. Questa disinformazione russa è una totale sciocchezza e non è la prima volta che la Russia inventa false affermazioni contro un altro paese" denuncia da Washington mentre la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha sottolineato che "tutti dovremmo stare allerta rispetto all'uso di armi chimiche da parte della Russia o aspettarci che Mosca le usi per creare un pretesto"

510 CONDIVISIONI
3287 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni