129 CONDIVISIONI
Assalto al Congresso Usa dei sostenitori di Trump
10 Giugno 2022
08:03

Assalto al Campidoglio: Trump accusato di tentato colpo di stato

Si è aperta l’udienza sui fatti di Capitol Hill, il presidente della commissione d’inchiesta sui fatti del 6 gennaio a Capitol Hill ha accusato direttamente l’ex presidente usa. Le critiche di Trump: “Nostro Paese nei guai”.
A cura di Biagio Chiariello
129 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Assalto al Congresso Usa dei sostenitori di Trump

L'assalto al Campidoglio è stato "il momento culminante di un tentativo di colpo di Stato". Un anno e mezzo dopo i fatti di Capitol Hill, la prima udienza in ‘prime-time' della commissione d'inchiesta della Camera su quanto avvenuto lo scorso 6 gennaio ponendo Donald Trump al centro di un complotto volto a mantenerlo al potere. Se "nel 1814 il Campidoglio è stato assalito da una forza straniera", mentre il 6 gennaio è stato assalito da "nemici interni" su incoraggiamento dell'ex numero uno della Casa Bianca, , ha dichiarato il capo dell'organo investigativo, Bennie Thompson, che ha parlato di "un tentativo sfacciato di capovolgere il governo. La violenza non è stata un incidente. È stato l'ultimo disperato tentativo di Trump di fermare il trasferimento di potere".

La tesi sul colpo di Stato

Per appoggiare questa tesi sono state diffuse nuove immagini inedite raccolte in un filmato di oltre 10 minuti, oltre che la testimonianza di una degli agenti feriti e spezzoni delle testimonianze raccolte a porte chiuse. "Il 6 gennaio e le bugie che hanno portato all'insurrezione hanno messo due secoli e mezzo di democrazia a rischio – ha affermato Thompson -. La nostra democrazia resta in pericolo". Thompson ha sottolineato come "il complotto all'origine dell'assalto" non fosse finto è ha parlato senza mezzi termini di "tentato golpe". Dello stesso parere la deputata repubblicana Liz Cheney: "L'obiettivo di Trump era restare al p otere nonostante avesse perso le elezioni", ha affermato nel corso della prima udienza pubblica della commissione di inchiesta sul 6 gennaio di cui è membro. "L'attacco al Capitol non è stato un evento spontaneo", osserva Cheney ricordando come Donald Trump nei suoi primi tweet nel giorno dell'attacco "non ha condannato l'assalto, lo ha giustificato".

La testimonianza della figlia di Trump

All'udienza ha testimoniato anche la figlia di Donald Trump, Ivanka, che ha dichiarato di riconoscere che "non c'erano prove" per affermare che il voto era stato rubato, come ha sempre sostenuto, e ancora sostiene, il padre. Nello spezzone mostrato stasera, viene chiesto a Ivanka cosa pensasse della dichiarazione dell'allora Attorney general, Barr, secondo il quale le elezioni erano state regolari. "Ha avuto un impatto sulla mia prospettiva – ha risposto Ivanka – io ho stima dell'Attorney general Barr, per cui ho accettato quello che sosteneva".

Le parole di Trump

La commissione di indagine sul 6 gennaio non ha mostrato "le testimonianze positive, ha rifiutato di parlare di frode elettorale e di irregolarità, e ha deciso di usare un produttore di documentari del network di Abc per mostrare solo immagini negative. Il nostro paese è veramente nei guai". Lo afferma Donald Trump commentando la prima udienza pubblica. Parlando di produttore di documentari di Abc, Trump ha fatto riferimento al manager di Abs James Goldston, al quale la commissione si è rivolta per produrre un'udienza televisiva trasmessa da tutti i principali network eccetto Fox.

129 CONDIVISIONI
L'ex stratega di Trump Steve Bannon è stato condannato a 4 mesi per oltraggio al Congresso
L'ex stratega di Trump Steve Bannon è stato condannato a 4 mesi per oltraggio al Congresso
Bannon colpevole di oltraggio al Congresso, l’ex stratega di Trump sorride alla lettura del verdetto
Bannon colpevole di oltraggio al Congresso, l’ex stratega di Trump sorride alla lettura del verdetto
Assalto a Capitol Hill, nuove rivelazioni:
Assalto a Capitol Hill, nuove rivelazioni: "Trump sapeva di gente armata al comizio"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni