"Lui voleva solo manifestare a favore di Trump. Il Congresso non è forse la casa del popolo?". Queste le parole alla tv Usa Fox News della signora Martha, la madre di Jacob Chansley, conosciuto anche con lo pseudonimo di Jake Angeli, lo "sciamano" che ha guidato l'assalto e il saccheggio a Capitol Hill, fomentato dai seguaci dell'ormai ex presidente americano, durante il quale sono morte cinque persone. Jake è stato arrestato nei giorni scorsi. Secondo quanto riportato dalle emittenti Usa, l'uomo al momento non risponde alle domande del giudice e rifiuta il cibo del carcere perché — secondo quanto riportato dalla madre  — non è biologico: e "se non mangia cibo biologico sta molto male, sta fisicamente male". La donna è stata avvicinata dai cronisti all’uscita del palazzo di giustizia di Phoenix, e poi intervistata nella sua casa in Arizona.

Due giorni fa il dipartimento di giustizia ha fatto sapere di aver arrestato tre uomini, implicati nell'irruzione a Capitol Hill. "Jacob Anthony Chansley, a.k.a. Jake Angeli, dell'Arizona, è accusato di essere entrato e rimasto consapevolmente in un edificio/terreno senza la legale autorità di poterlo fare, e di ingresso violento e condotta disordinata sul terreno del Campidoglio". Il 33enne, secondo quanto riferito da ABC Arizona, ha fatto la sua prima apparizione in un’aula di tribunale federale di Phoenix via telefono, mentre era in quarantena. La mamma ha difeso a spada tratta il figlio sostenendo che non era sua intenzione fomentare o partecipare a disordini. "Non mi sarei mai aspettata nulla di simile — ha raccontato Martha Chansley — era andato a Washington per manifestare come tanti altri. Lui è un grande patriota. Sia ben chiaro che non sto giustificando alcuna violenza o vandalismo. Ci sono stati tanti, tanti altri fotografati , il modo in cui era vestito ha attirato l’attenzione su di lui".