1.520 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
5 Aprile 2022
20:32

Alexei Navalny spiega come la tv russa ha raccontato il massacro di Bucha: “Menzogne mostruse”

Alexei Navalny ha spiegato su Twitter come i commentatori della tv russa hanno raccontato il massacro di Bucha: “L’hanno definita provocazione preparata dalla NATO molto tempo fa. Sono guerrafondai”.
A cura di Ida Artiaco
1.520 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

A Bucha si è consumato un vero e proprio massacro di civili, come testimoniano le numerose immagini che ritraggono uomini, donne e bambini morti per terra, fosse comuni e stanze delle torture. Al punto che il presidente ucraino Zelensky, nel suo intervento al Consiglio di sicurezza dell'ONU, ha invocato un tribunale sul modello di Norimberga per processare i russi responsabili di quell'orrore. Ma Mosca ha raccontato altro ai propri cittadini, dopo aver detto pubblicamente, tramite il ministro degli Esteri Lavrov, che si è trattato di una messa in cena della propaganda ucraina.

A raccontare come ai russi è stato presentato quello che è successo a Bucha nei giorni scorsi è stato Alexei Navalvy. L'oppositore di Putin, fresco di condanna a 9 anni di carcere per frode, ha scritto un lungo thread su Twitter per spiegare come i commentatori della televisione russa, che definisce "Eredi di Goebbels" abbiano ribaltato la verità su quanto successo nella città a Nord di Kiev.

"Ho appreso degli orribili eventi di Bucha ieri mattina dalla notizia che la Russia stava convocando il Consiglio di Sicurezza dell'ONU in relazione al massacro commesso dai nazisti ucraini. La sera il presentatore di Channel 1 ha spiegato tutto in questo modo", ha cominciato Navalny. Secondo la tv russa, ha continuato, "la provocazione a Bucha è stata preparata dalla NATO molto tempo fa e al più alto livello. È anche confermato dal fatto che il presidente Biden ha recentemente definito Putin un ‘macellaio'. Ascoltate la consonanza tra la parola macellaio in inglese ("Butcher") ed il nome della città di "Bucha". Ecco come il pubblico occidentale è stato preparato a questa provocazione. Il mio punto è che la propaganda di Putin ha smesso da tempo di essere uno strumento. Loro sono autentici guerrafondai e sono diventati un partito a sé stante. Vorrei ricordare che il National Media Group, che fa la parte del leone in questo apparato di menzogne, appartiene senza dubbio a Putin personalmente, in particolare è per questo che è anche formalmente diretto dall'amante del presidente, Alina Kabaeva. Dovrebbero essere prese misure più drastiche per ostacolare il lavoro di questi Eredi di Goebbels, dal divieto totale di fornitura e manutenzione di attrezzature alla ricerca dei loro beni in Occidente e alle liste nere per la concessione di visti. Le atrocità mostruose a Bucha, Irpin e altre città ucraine sono state commesse non solo da chi ha legato le mani di persone pacifiche dietro la schiena, non solo da chi ha sparato loro alla nuca, ma anche da chi è rimasto a guardare e ha parlato in questo modo", ha concluso.

1.520 CONDIVISIONI
2541 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni