21 Giugno 2022
17:38

Cos’è l’esonero contributivo dello 0,8% che serve per ottenere il bonus 200 euro

Per ottenere il bonus anti-inflazione da 200 euro i lavoratori dipendenti devono rispettare alcuni requisiti, tra cui l’aver usufruito quest’anno dell’esonero contributivo dello 0,8%.
A cura di Giacomo Andreoli

Il bonus 200 euro previsto dal decreto Aiuti per fronteggiare l'inflazione e dare una boccata d'ossigeno ai lavoratori italiani continua a far parlare di sé. A più di un mese dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del testo mancano ancora i decreti attuativi per definire tutte le regole di accesso al contributo. Quello che si sa è che mentre autonomi, stagionali e co.co.co. dovranno fare domanda all'Inps, pensionati, disoccupati con Naspi e percettori del Reddito di cittadinanza lo riceveranno direttamente, mentre i dipendenti privati dovranno presentare un'apposita autocertificazione al proprio datore di lavoro (per poi ottenere il contributo nella busta paga di luglio).

Tra i requisiti per i dipendenti privati c'è quello del reddito annuo inferiore ai 35mila euro, ma anche l'aver beneficiato dell’esonero contributivo dello 0,8% nel primo quadrimestre del 2022.

Cos'è l'esonero contributivo dello 0,8%

Di cosa si tratta? La scorsa legge di Bilancio ha previsto uno sconto sulla quota di contributi previdenziali dello 0,8% mensile per i lavoratori dipendenti che hanno un reddito annuo fino a 35mila euro (esclusi i lavoratori domestici). Riguarda quindi chi prende al mese fino a 2.692 euro lordi. Il requisito, dunque, sta a significare che possono accedere al bonus 200 euro tutti coloro che hanno avuto un reddito mensile imponibile di massimo 2.692 euro tra gennaio e aprile del 2022.

Come e dove verificare il requisito

All'interno dell'autocertificazione che i lavoratori privati dovranno consegnare ai datori di lavoro bisognerà dichiarare di aver beneficiato per almeno un mese del 2022 dell'esonero contributivo. Ma come si fa a capire se si è beneficiato di questo sconto? Bisogna andare a guardare nel cedolino dello stipendio, spulciare cioè le buste paga del periodo gennaio-aprile 2022 e controllare se almeno in una delle quattro c'è la voce dello sgravio allo 0,8%. Se non si riesce a capirlo si può magari chiedere aiuto al datore di lavoro, a un Caf o a un altro consulente.

L'importante è che l'autocertificazione venga firmata consapevolmente, altrimenti si ricade in una dichiarazione falsa e si rischia la revoca del denaro e una multa. La richiesta del bonus tramite autocertificazione, poi, può essere inoltrata solo a un datore di lavoro ed è una tantum. Se si hanno più lavori bisogna dunque scegliere una sola azienda/attività. Per i dipendenti neoassunti, poi, è fondamentale il requisito dello sgravio contributivo: possono avere il bonus 200 euro anche con la nuova occupazione coloro che sono stati dipendenti all'inizio dell'anno e hanno in una delle quattro buste paghe il taglio dei contributi.

Chi riceverà il bonus 200 euro con il decreto Aiuti bis del governo
Chi riceverà il bonus 200 euro con il decreto Aiuti bis del governo
Pagamento Reddito di Cittadinanza a luglio 2022, data ricarica e novità sul bonus 200 euro
Pagamento Reddito di Cittadinanza a luglio 2022, data ricarica e novità sul bonus 200 euro
Chi ha diritto al bonus 550 euro per i lavoratori part time e come richiederlo
Chi ha diritto al bonus 550 euro per i lavoratori part time e come richiederlo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni