Murale del "Che" ad Orgosolo, in Sardegna
in foto: Murale del "Che" ad Orgosolo, in Sardegna

Un viaggio nell'arte urbana tra artisti, opere e luoghi. Si intitola "Muri di Sardegna" ed è la prima guida alle opere murali di uno dei luoghi più amati dagli italiani e non solo. Un volume di oltre quattrocento pagine a cura dell’associazione culturale Asteras, pubblicato da Dario Flaccovio Editore, che sarà in libreria dal 20 agosto per raccontare un'isola che negli ultimi anni ha aggiunto al suo brand fatto di mare cristallino e coste immacolate anche l'arte murale, divenuta nel tempo uno dei motivi di pellegrinaggio per tanti turisti e viaggiatori. Anche in una fase dovuta alle restrizioni conseguenti all'emergenza Covid-19.

Cagliari, Sassari, Oristano e Nuoro, ma non solo. Diversi i centri urbani dell'isola narrati da questa speciale guida, come Orgosolo, San Sperate, San Gavino Monreale, luoghi recuperati ad un uso consapevole delle tradizioni, dove spiccano opere d’arte urbana sulle pareti delle abitazioni e degli edifici pubblici. Una mappa socio-culturale di riti, presenze sul territorio e modi differenti di viverlo, che racconta un pezzo di storia della Sardegna, dagli anni Sessanta del Novecento sino agli anni Duemila. Grandi interpreti e giovani utopie: un circuito affascinante, istruttivo e ricco di sorprese. Il libro è una guida pratica da portare in viaggio, oltre che un piccolo atlante iconografico dei sentimenti, delle visioni e delle speranze di un popolo.

“Abbiamo intrapreso il progetto della guida – raccontano i membri dell’associazione, specializzati  nell’ambito dei beni culturali e delle arti visive – con l’obiettivo di mettere in luce la portata di questa peculiarità del paesaggio urbano ed extraurbano della Sardegna: si tratta di un immenso patrimonio visuale costantemente mutevole che rappresenta un vero unicum”. La guida “Muri di Sardegna” intende offrire al viaggiatore uno strumento utile per la ricerca e la comprensione degli elementi più emblematici: dai rinomati murales di Orgosolo e di San Sperate alla nuova street art di San Gavino Monreale.