14 Febbraio 2022
08:00

La festa dell’amore che poteva essere: una poesia di Franco Arminio per San Valentino

In occasione di San Valentino, Fanpage.it pubblica una poesia di Franco Arminio, poeta irpino che ha da poco pubblicato per Einaudi “Studi sull’amore”.
A cura di Franco Arminio

Nel giorno di San Valentino, uno dei poeti più conosciuti d'Italia, citato anche pochi giorni fa da Marco Mengoni sul palco del 72o Festival di Sanremo, Franco Arminio ha scritto una poesia su un amore che avrebbe potuto essere e non è stato. Arminio, poeta, regista, paesologo, autore di libri come "Viaggio nel cratere" e "Lettera a chi non c'era" ha appena pubblicato per Einaudi "Studi sull'amore". Arminio, inoltre, ha ideato la Casa della paesologia a Bisaccia e il festival La luna e i calanchi ad Aliano.

Il testo de La festa dell'amore che poteva essere

Il nostro amore poteva nascere
solo quella mattina, poteva aprirsi
nelle tue mani e nelle mie, fiorire
dentro quella nebbia.
Ora noi possiamo solamente parlare
d’amore, possiamo perfino
spogliarci e metterci vicino
ma nessun fiore si aprirà prima del tempo,
nessun cane abbaierà per festeggiare
il nostro abbraccio.
Quella mattina le nuvole avrebbero
preso un’altra tinta, dentro gli alberi
ci sarebbe stato un silenzio dolcissimo,
sui nostri polsi la gioia avrebbe posato
bracciali di luce.
Spesso la vita ci sfugge quando
non ci deve sfuggire,
ci prende quando è inutile prenderla.
Quella mattina Dio era pronto
a farci compagnia, tu no.

San Valentino Torio (Salerno) incendio e grossa colonna di fumo nero
San Valentino Torio (Salerno) incendio e grossa colonna di fumo nero
Napoli, torna la festa di San Gennaro dopo la pandemia
Napoli, torna la festa di San Gennaro dopo la pandemia
82.004 di Peppe Pace
Anziano 73enne, in fin di vita, sposa il compagno 60enne: uniti per sempre dopo 32 anni d’amore
Anziano 73enne, in fin di vita, sposa il compagno 60enne: uniti per sempre dopo 32 anni d’amore
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni