178 CONDIVISIONI
10 Agosto 2013
18:26

Il direttore di Biennale Teatro: “trasformo Venezia in un college teatrale” (intervista)

Alex Rigola, direttore del Festival Internazionale di Teatro della Biennale di Venezia, investe molto su un intenso lavoro di laboratori teatrali in cui artisti europei si incontrano con giovani provenienti da tutto il mondo.
A cura di Simone Petrella
178 CONDIVISIONI

Alex Rigola, classe 1969, dirige da tre anni il Festival Internazionale del Teatro della Biennale di Venezia. Regista teatrale, firma la sua prima regia a 27 anni; colleziona negli anni numerosi premi, soprattutto in Spagna, e dal 2003 è direttore del Teatre Lliure di Barcellona.

Ute Lemper
Ute Lemper

Per l'edizione 2013 del festival Alex Rigola ha invitato a Venezia artisti di assoluto rilievo del panorama teatrale internazionale: nomi storici come quelli di Ute Lemper e Krystian Lupa si affiancano a talenti noti e meno noti in Italia quali Thomas Ostermeier, Angelica Liddell, David Espinosa. Ma è lo stesso direttore a specificare che l'interesse principale del festival, ciò che lo distingue dagli altri festival di teatro italiani, è la grande attenzione all'aspetto laboratoriale.

L'idea del direttore è trasformare Venezia, l'estate,  in un grande college teatrale, in cui i diversi artisti ospiti tengano workshop per i giovani provenienti da ogni parte del mondo. Per lo stesso motivo la scelta degli spettacoli in programmazione non nasce tanto dalla volontà di mostrare le ultime novità del panorama europeo, quanto dal desiderio di mettere in scena opere che, pur avendo qualche anno di vita, possano nutrire la ricerca teatrale alla base del festival stesso.

Angelica Liddell
Angelica Liddell

Alex Rigola sottolinea più volte che il Festival Internazionale del Teatro della Biennale di Venezia non vuole dare risposte, non vuole indicare una direzione al teatro contemporaneo; è un festival creato per porsi semplicemente domande e che, difronte a una crisi artistica generale, cerca di gettare nuove basi, di incoraggiare lo scambio di esperienze tra giovani e meno giovani affinchè da un lavoro comune, vivo, gestito da artisti talentuosi, possa magari nascere con naturalezza un nuovo percorso teatrale, senza che lo si rincorra ossessivamente. Non a caso il festival non ha neanche un titolo che dia l'idea di una tematica omogenea, si coglie solo un  indirizzarsi verso l'opera shakespeariana che, per la profondità con cui ha inciso e si è radicata nell'umanità tutta, vuol dire scegliere un tema aperto ad ogni possibile interpretazione.

178 CONDIVISIONI
Quello che c'è, ciò che verrà. Intervista a Elisabetta Sgarbi su Venezia, premi letterari e vaccini
Quello che c'è, ciò che verrà. Intervista a Elisabetta Sgarbi su Venezia, premi letterari e vaccini
Giulia Caminito ha vinto il Premio Campiello 2021 per "L'acqua del lago non è mai dolce"
Giulia Caminito ha vinto il Premio Campiello 2021 per "L'acqua del lago non è mai dolce"
Booker Prize 2021, quali editori italiani pubblicheranno i finalisti
Booker Prize 2021, quali editori italiani pubblicheranno i finalisti
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni